IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

sabato 28 maggio 2016

A Milano un altro candidato è possibile! Rizzo

Tratto da: http://www.nandodallachiesa.it/2016/05/25/a-proposito-di-bruce-e-di-beppe-niente-trucchi-per-favore/

OMISSIS

A proposito del quale imperversa il vecchio vizio della politica di diffondere falsità con la più impunita disinvoltura. Hanno sparso, ad esempio, la voce che chi non voterà Sala al primo turno consegnerà la città alla destra, a “questa” destra, poi. Roba da giocatori delle tre carte. E vi spiego subito perché: se Parisi vincerà al primo turno vorrà dire che, indipendentemente da come si vota a sinistra, lui ha la maggioranza degli elettori per i fatti suoi, e il resto sarà aria fritta. Ma se non vince comunque al primo turno (come tutti sanno), ci sarà un secondo turno. E sarà lì, solo lì, che si deciderà se sarà destra o sarà sinistra. Dunque perché questo ricatto-menzogna, perché dire che chi vota Rizzo consegna la città “a Salvini e Berlusconi”? La città alla destra la regalerà, semmai, chi ha imposto una candidatura che non scalda un cuore che sia uno. E in ogni caso si vedrà al secondo turno. Oggi chi vota Rizzo al primo non fa altro che votare un candidato simbolo della correttezza istituzionale e della lotta all’opacità e alla corruzione. E dopo? Risposta: la frase di Parisi contro l’antimafia sociale o comunale  mi preoccupa assai,non voglio tornare indietro di dieci anni,ci è bastato quel che abbiamo già pagato per colpa di queste idee al comando. Ma molto dipenderà anche da ciò che diranno i sostenitori di Sala. Se giocheranno ancora barando, la tentazione di mandarli a quel paese e di rovesciare il tavolo sarà irresistibile. E’ così difficile capirlo?

Nessun commento: