IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

martedì 12 gennaio 2016

Biblioteca Buccinasco chiusa fino a Febbraio

CHIUSURA STRAORDINARIA BIBLIOTECA BUCCINASCO

Causa lavori di ristrutturazione la Biblioteca di Buccinasco rimarrà chiusa fino agli inizi di febbraio

domenica 10 gennaio 2016

Mercatino Delle Pulci a Buccinasco: ogni seconda Domenica del mese

Bello guardare i banchetti.  Ma se qualcuno oggi avesse abbassato lo sguardo alla strada, avrebbe anche potuto osservare lo stato dell'asfalto in via Emilia, via Grandi e via Gobetti.  Le buche colme d'acqua, i rattoppi, le giunte tra diversi tipi di bitume.
Un "buon" biglietto da visita della efficacia della Amministrazione di Buccinasco.  Qualche cosa che i visitatori del mercatino possono raccontare agli amici al loro ritorno a casa, mentre descrivono gli acquisti fatti!

Logica renziana. Il reato di immigrazione clandestina non serve, non ha senso ma intasa i tribunali (che non riescono a celebrare altri processi). Quindi lasciamolo!

Sul tema di immigrazione clandestina, aggiunge, "secondo i magistrati il reato in quanto tale non serve, non ha senso e intasa i Tribunali, ma è anche vero che c'è una percezione di insicurezza per cui questo percorso di cambiamento delle regole lo faremo con calma, tutti insieme, senza fretta, quindi non sarà nel prossimo Cdm".

venerdì 8 gennaio 2016

Che fai nella vita?

Che fai nella vita?
Regalo piccole emozioni a persone con problemi
Oh, terapia del sorriso?
No, metto dei "mi piace" a caso su Facebook

mercoledì 6 gennaio 2016

Come cambia il lavoro

Tratto da:  http://www.laleggepertutti.it/107366_licenziamento-per-soppressione-posti-anche-senza-crisi-aziendale?sthash.mWGLLKp2.mjjo

Licenziamento per soppressione posti anche senza crisi aziendale

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo valido anche se finalizzato a un maggior profitto e non a tagliare i costi aziendali.


Perché il licenziamento per riduzione del personale possa essere valido (cosiddetto “giustificato motivo soggettivo”) non è necessario che il datore di lavoro dimostri la crisi e, quindi, la necessità di tagliare i posti per ridurre le perdite; si può, al contrario, licenziare anche per una precisa scelta aziendale di rendere più efficiente la produzione e, quindi, aumentare i profitti. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1]. Secondo l’orientamento più elastico dei giudici di legittimità, il lavoratore deve andare via anche quando non serve più.
Sbaglia dunque il dipendente che ritenga nullo il licenziamento solo perché l’azienda non riesce a provare la sussistenza di una crisi aziendale tale da rendere necessaria la soppressione della sua posizione.

martedì 5 gennaio 2016

Renzi:e la RAI come un obiettivo per la propria propaganda a breve termine?

Tratto da: http://www.robertozaccaria.it/la-nuova-rai-un-dipartimento-della-presidenza-del-consiglio/, 24 Dicembre 2015

Suggerisco di avere la pazienza di leggere e di arrivare alle conclusioni.
L'articolo è scritto da un ex parlamentare, membro del PD, presidente della RAI, docente di Diritto. Possibile che solo gli attuali parlamentari PD non si rendano conto del pericolo di ciò che Renzi impone loro di approvare, e dei suoi obiettivi personali a medio e lungo termine?  Oltre all'annientamento di ogni idea politica autonoma nel partito, anche alla RAI parole come indipendenza e pluralismo devono essere cancellate?

La nuova Rai: un dipartimento della Presidenza del Consiglio
Ieri il Senato della Repubblica ha approvato in via definitiva, in un clima prenatalizio caratterizzato da una malcelata indifferenza, la legge che disciplina l’assetto di vertice della Rai. Una brutta legge che non affronta i nodi principali dell’assetto radiotelevisivo pubblico e che disegna la nuova Rai come una sorta di Dipartimento della Presidenza del Consiglio.

lunedì 4 gennaio 2016

Un'altra gestione della città è possibile?

Segnalo un articolo comparso nei giorni scorsi su un sito locale che mi sembra vicino a Fratelli d'Italia.  Il blog mi sembra aggiornato regolarmente.  Consiglio di inserirlo tra quelli da visitare per comprendere se  "Un'altra gestione della città sia possibile"
Tratto da: https://pietrodimino.wordpress.com/2015/12/30/buccinasco-blocco-auto-cittadini-in-processione-alla-ricerca-di-un-bus/comment-page-1/#comment-114

BUCCINASCO: BLOCCO AUTO…CITTADINI IN PROCESSIONE ALLA RICERCA DI UN BUS…

fuori…le giornate della demagogia ambientalista con oggi finalmente si concludono anche nel nostro Comune, verranno ricordati come i tre giorni più inutili dell’anno per il nostro paese, per il nostro ambiente.
Nessuna ricerca o volontà da parte di questa amministrazione nel venire incontro alla popolazione rimasta appiedata, per gli spostamenti necessari da effettuarsi in giornata, anziani quasi relegati in casa per la tragicità dei nostri trasporti locali, o chi, è riuscito a prenderli, si è pure infortunato con intervento dell’ambulanza.
Trasporti deficitari già durante l’anno, inesistenti durante i tre giorni della “demagogia” con il blocco delle auto, inutile; orari del sabato per una comunità alle porte della metropoli che ha costante bisogno di collegamento con la stessa città; nessuna voce si è alzata dall’amministrazione locale nei confronti dell’ATM per un cambiamento di orari sulla tratta da e per la città, addossando tutta la responsabilità all’azienda di trasporto; ma un conto sono gli orari in una città con decine e decine di linee di superficie oltre alle linee metropolitane, un’altra cosa sono gli orari nel nostro paese dove una linea al massimo due ci portano verso Milano e viceversa, ma tant’è che l’amministrazione buccinaschese con la sua obbedienza cieca, pronta e assoluta ai dettami della demagogia radical-chic della sinistra nostrana, ha preferito lasciare a piedi i nostri cittadini, anziani e non, in coda per un’ora in attesa alle fermate dei bus pur di non alzare la voce nei confronti della dirigenza ATM (di colore politico come quello dell’amministrazione PD); il servilismo imperante di una giunta dei proclami è al collasso e tre giorni di blocco auto l’ha mostrato in pieno, non riuscendo neppure a fare cassa con le contravvenzioni nonostante l’impegno profuso dalla Polizia Locale che è comunque da lodare, che son state ben poca cosa nei confronti dei trasgressori e che, forse è stato anche un bene visto che a pagare per l’incapacità politica di amministratori inadeguati sono sempre gli stessi: i cittadini in quattro o due ruote e non.
Città Metropolitana inesistente, Pisapia indecente, Buccinasco servile ed incapace; non è questo ciò che merita la comunità buccinaschese.

domenica 3 gennaio 2016

E' possibile imparare dai propri errori?

Segnalo la lettera di Pippo Civati a Paolo  Ferrero pubblicata dal sito della Sinistra di Buccinasco. Pubblicata senza commenti, e senza, (mi sembra) trarne le conseguenze anche a Buccinasco.
Fonte:  http://sinistrabuccinasco.blogspot.it/2015/12/sinistra-lettera-aperta-di-pippo-civati.html


Sinistra, lettera aperta di Pippo Civati e Paolo Ferrero
Pubblicato il 21 dic 2015

La primavera prossima si andrà al voto in molte importanti città. Occasione imperdibile per la costruzione di un’alternativa politica, morale e sociale al governo del Partito Nazione: in quasi tutte le realtà si sta lavorando in questa direzione.
Chi parla di “eccezioni locali” sta sbagliando: non esistono un Pd nazionale “cattivo” e un Pd locale “buono” con cui invece si possono stringere alleanze. Si tratta ovunque dello stesso Pd e delle stesse politiche. 
Precarietà, nuove povertà, marginalità sociale, dramma abitativo: gli effetti di Jobs act, “buona” scuola, finanza fantasiosa (dopo quella creativa di Tremonti) si manifestano dolorosamente e con chiarezza proprio a livello locale, ed è con l’impatto delle politiche nazionali che i nuovi sindaci si troveranno a fare i conti.

sabato 2 gennaio 2016

I cervelli noi non li vogliamo

Investimenti nella Università:  Italia 7 miliardi, Germania 26
Cambiamenti negli investimenti pubblici nella Università: Italia - 21%, Germania + 23%
Docenti universitari: tra il 2008 e il 2013:   -15%; contemporaneamente sono calati anche gli studenti.
Spesa pubblica per l’istruzione universitaria per abitante: 332 € in Germania; 305 € in Francia; 157 € in Spagna, 117 € al Centro Nord dell’Italia e 99 € in Meridione.
A colmare questa mancanza di soldi sono le famiglie costrette ad intervenire: la quota sopportata dalle famiglie italiane sul totale della spesa, nel 2011, era pari al 24,5%, un livello maggiore rispetto alla Francia, alla Spagna e all’Olanda e molti altri Stati europei.

Fonte; Rapporto 2015 sulle università del Nord e del Sud elaborato dalla fondazione Res (Istituto di ricerca su economia e società in Sicilia)., tratto da: http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/11/universita-rapporto-fondazione-res-la-germania-investe-quattro-volte-litalia/2296595/


venerdì 1 gennaio 2016

Le stelle stanno a guardare. Invece la televisione del servizio pubblico italiano, finanziata dal nostro canone, dà ancora ampio spazio ai sedicenti astrologi.

Ufficio Stampa CICAP
Dic 28 alle 6:10 PM

Emma Bonino Presidente della Repubblica, elezioni anticipate in ottobre, la Juventus vincitrice della Champions League: ancora una volta tra previsioni sbagliate, nebulose oppure completamente ovvie, astrologi e veggenti non hanno avuto un grande successo nel prevedere gli avvenimenti di un 2015 effettivamente molto complesso.
***

Da una ventina d’anni il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni delle Pseudoscienze) raccoglie e verifica le previsioni fatte da astrologi e veggenti. «All’inizio dell’anno si fanno moltissime previsioni, ma se nessuno le verifica vengono presto dimenticate, e le capacità degli astrologi non sono mai messe veramente alla prova» dice Massimo Polidoro, psicologo e scrittore, segretario del Comitato. «Non c’è niente di male a divertirsi leggendo un oroscopo, che è proprio quello che a tanti piace fare, ma bisogna stare attenti a non lasciarsi influenzare: basare le proprie decisioni su questo tipo di informazioni, che non hanno alcuna base scientifica, può essere molto pericoloso», aggiunge Polidoro.