IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

martedì 24 dicembre 2013

Cari genitori...

Se regalate il primo smartphone o tablet per Natale ai vostri figli...

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “matteop*” e ”nicchia777”.

Magari vi è venuta l'idea di regalare per la prima volta uno smartphone ai vostri figli e non sapete da che parte cominciare con le raccomandazioni. Magari non immaginate neanche che servano delle raccomandazioni. Complimenti: avete appena messo in mano ai vostri pargoli l'equivalente digitale di una motosega senza il paramani e senza il manuale d'istruzioni.

Naked Security ha pubblicato una bella serie di miniguide all'uso dei controlli parentali per AndroidiOS,OS X MavericksWindows 7Windows 8 e in generale. Purtroppo sono in inglese, ma le segnalo lo stesso insieme alle mie raccomandazioni personali. Mi perdonerete il tono un po' informale.

  • Spegnete il GPS. Con pochissime eccezioni, serve soltanto ai pubblicitari e agli stalker per pedinarvi e localizzarvi meglio. E consuma batteria.
  • Controllate spesso che siano disattivati il roaming per voce e dati. Altrimenti la bolletta rischia di essere salatissima.
  • Craccare o fare jailbreak per mettere app a scrocco è stupido, non è cool: vuol dire che siete taccagni. Non pagare ai programmatori i pochi euro che servono per comperare un'app di gioco è da sfigati.
  • Fate un backup dei vostri dati. Se vi rubano il tablet o smartphone o se si rompe, si guasta o vi cade, magari in acqua, e non avete una copia di scorta dei dati, le vostre foto sono perse per sempre insieme a tutti gli altri dati.
  • Sappiate che siete tracciati. Sempre.  La polizia e gli specialisti della Rete sanno sempre come identificarvi, se fate qualcosa di illegale. Se non vi difendete, lo sapranno anche i pubblicitari e i molestatori. Non pensate mai di essere anonimi. Non lo siete.
  • Usate nomi falsi per gli account di qualunque app o servizio. Non mettete mai nome e cognome: diventa troppo facile trovarvi per qualunque rompiballe.
  • Non parlate/chattate con gli sconosciuti. Là fuori ci sono truffatori e molestatori senza scrupoli, e sono molto abili. Vi fregheranno. La soluzione più semplice è non dare corda e bloccarli.
  • Non fidatevi delle promesse di privacy di Facebook, WeChat, Instagram, SnapChat e simili.Qualunque foto, una volta che l'avete messa in Rete, può essere salvata, copiata e inviata a chiunque. Qualunque messaggio, per quanto “privato”, può essere intercettato, copiato e ripubblicato. Internet è piena di figuracce fatte in questo modo. Cancellare gli originali non serve a niente.
  • Ricordate che una foto messa online ci resta per sempre. Fra cinque anni, quella vostra fotografia con la bocca a sedere d'anatra, in posa gangsta o con la felpa di Miley Cyrus sarà imbarazzante come la T-shirt di Julio Iglesias di vostra madre. Anche se la cancellate, gli amici ne faranno copie. Sì, anche di quella in cui avete il pisello in mostra. La vedranno i datori di lavoro ai vostri colloqui. Non fatela, che è meglio.
  • Non lasciate incustodito il vostro smartphone o tablet. Costa, specialmente se è un iCoso, e i ladri lo smerciano facilmente. Contiene tutti i vostri fatti personali, che fanno gola ai vostri compagni di scuola. Tenetelo sempre addosso o al sicuro e bloccatelo con un PIN.
  • Tutto quello che è gratis si paga. Non come soldi, ma sotto forma di ficcanaseria. WhatsApp si legge tutti i numeri delle vostra rubrica telefonica, per esempio. Se giocate a Candy Crush, l'app vi userà per farsi pubblicità avvisando tutti i vostri amici che ci state giocando (magari in un momento in cui non dovreste).
  • Non fate agli altri quello che non vorreste che gli altri facessero a voi. È facile prendere in giro qualcuno pesantemente o insultarlo al riparo dello schermo. È anche molto vigliacco.
  • Qualunque proposta troppo bella per essere vera non è vera. La bella ragazza che si offre a voi su Chatroulette e vi invita a fare sesso virtuale è probabilmente un truffatore che vi registrerà mentre vi masturbate e vi ricatterà per non diffondere il video. Benvenuti nella realtà.
  • Non credete a tutto quello che leggete su Internet. Neanche se ve lo dicono gli amici: probabilmente si sono fatti abbindolare anche loro da qualche storia sensazionale ma fasulla. Pensate con la vostra testa e informatevi prima di diffondere qualunque cosa.
  • Usate Internet per imparare, non solo per cazzeggiare. Avete a disposizione tutto il sapere dell'umanità. Avete un privilegio che nessuna generazione, prima di voi, ha mai avuto. Non sprecatevi giocando a Ruzzle.
  • La gente è stronza. Più di quello che immaginate. Più di quello che potete immaginare. Non datele la corda con la quale impiccarvi.
  • Non fate cazzate. E divertitevi.
Se avete altri suggerimenti da aggiungere, segnalatemeli nei commenti. E buon Natale.

lunedì 23 dicembre 2013

Se ne parla all'estero: dove svolgiamo gli studi clinici ?

En Inde et en Chine, des tests mal encadrés
LE MONDE SCIENCE ET TECHNO |  • Mis à jour le |

Deux tiers des essais cliniques des médicaments commercialisés en Europe sont effectués hors du Vieux Continent. La Chine et l’Inde gagnent du terrain, mais leurs méthodes sont parfois montrées du doigt.

Ainsi, au début de l’année, des rescapés de la catastrophe industrielle de Bhopal ont appris qu’ils avaient participé à des essais cliniques : l’hôpital construit pouroffrir des soins gratuits aux victimes de l’explosion d’une usine chimique, en 1984, aurait mené des études cliniques sur des patients atteints de cancer entre 2000 et 2011 sans les prévenir ni les rémunérer. Une commission enquête sur ces abus

domenica 22 dicembre 2013

Da domani sospesa l'area C fino all'Epifania

Area C. Dal 23 dicembre al 6 gennaio telecamere non attive

Restano comunque in vigore per tutto il periodo sia le disposizioni previste dalla normativa regionale sia quelle che regolano le Ztl e le corsie preferenziali dei mezzi pubblici in tutta Milano

sabato 21 dicembre 2013

Contratto per 20 anni, con un aumento IRRISORIO del 3,6%!


Cari amici chi di voi quest'anno non ha avuto un aumento di stipendio di almeno il 3,6%?  Troppo poco! Sono sicuro, come i responsabili della Provincia di Milano da "noi" eletti, che avete guadagnato MOLTO di più dell'anno scorso, e che nessuno dei vostri conoscenti ha perso il lavoro o è in difficolta economiche! 
D'altronde, cosa volete che sia un contratto per 20 anni...?  Bazzeccole, se pensate che tra 20 anni le Province esisteranno ancora!  E che gli attuali 50enni saranno ancora al lavoro (o in ricerca di lavoro!)

Provincia Milano. Servizio idrico integrato, firmato l’affidamento ventennale in house providing al Gruppo Cap

Podestà: «La trasformazione del comparto è giunta al termine con un complesso percorso di fusione realizzato grazie alla collaborazione dei Comuni»


img



(mi-lorenteggio.com) Milano, 20 dicembre 2013 – Il presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà, il presidente di Cap Holding, Alessandro Ramazzotti, il presidente di Amiacque, Marco Passaretta, il presidente di Ato Provincia di Milano, Graziano Musella, e il consigliere provinciale Giuseppe Russomanno hanno illustrato nell’ambito di una conferenza stampa i termini della convenzione, firmata questa mattina, che sancisce l’attribuzione in house providing, per i prossimi vent’anni, della gestione delle reti e degli impianti al Gruppo Cap. La nuova realtà aziendale, nata in virtù della fusione di cinque società (Cap Holding, Ianomi, Tam, Tasm e Idra patrimonio) e che insieme al “braccio” operativo Amiacque coordinerà la rete dei Comuni dell’Ambito, ha già stanziato per il periodo 2013-2019 un investimento di oltre 500 milioni di euro. Il gestore unitario si pone al 1° posto in Italia per capitalizzazione ed al 5° posto per fatturato. Durante l’incontro è stato ribadito che le tariffe della provincia, indicate con un metodo transitorio dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas, risultano, ad oggi, tra le più basse in Italia: se nel 2012 si attestavano a 0,9255 €/mc, nel 2013 sono arrivate a 1,0148 €/mc, con un incremento irrisorio del 3,6%. In altre parole, per una famiglia composta da quattro persone, la variazione incide nell’ordine di 13,40 € all’anno.

Navigando per Buccinasco: Pulizie di Natale (1)

Metto un po' di oridne nella colonna dei siti preferiti qui di fianco a destra, cominciando dai siti locali.
Cancellerò alcuni siti che non esistono più, probabilmente perchè hanno esaurito la loro funzione (credo che sia questo il caso del sito dell'UDC di Buccinasco, che ormai ha raggiunto l'obiettivo di entrare in Giunta, o quello della Associazione Prisma, che sembra non essere più attiva localmente)

http://www.buccinasco.net/   NON ESISTE PIU'
http://www.udc-buccinasco.it/   NON ESISTE PIU'
http://www.assoprisma.it/    NON ESISTE PIU'

Cancellerò anche il sito del SioNo.  Per la verità c'è il rmando a un nuovo sito, ma è zeppo di pubblicità. Lo ho visitato diverse volte, e per il momento non mi sento di consigliarne la visita ad altri
http://sionomagazine.blogspot.it/  NON VIENE PIU' AGGIORNATO
http://sionomagazine.netweek.it/  SITO ALTERNATIVO

Ci sono anche tre "new entry", delle quali rivaluterò costantemente l'aggiornamento per decidere se suggerirne la visita.

giovedì 19 dicembre 2013

No ad un centro ricerche nel Parco Sud

IL CASO  Il Comune «Cancella» Il Cerba: Niente ProrogaLa Regione: «Un Colpo Alla Qualità Della Sanità»
La convenzione con la società Visconti era in scadenza, ma Palazzo Marino nega il rinnovo

Corriere Della Sera > Milano > Cronaca > Sanità , 19 dicembre 2013

Addio al Cerba. Il Comune di Milano, durante il Comitato di Vigilanza riunito mercoledì in Regione sotto la presidenza del governatore Roberto Maroni, ha negato la proroga richiesta dalla società Visconti srl per la firma della convenzione. Senza questa firma salta tutto il progetto del grande centro europeo di ricerca biomedica immaginato, messo a punto e sostenuto con forza dal professor Umberto Veronesi.

LA VICE SINDACO - Il vicesindaco Ada Lucia De Cesaris è stata irremovibile: «Manca un progetto credibile» ha insistito. E poi, a chi l’ha accusata di mettere con questo diniego una pietra tombale su un’iniziativa di respiro internazionale cominciata nel 2009, ha risposto: «Milano crede nel progetto del grande centro di ricerca e vuole realizzarlo, ma per farlo deve liberarsi di un passato fallimentare e consentire l’avvio di un nuovo iter».

Forse non sono cellule staminali?

Il rapporto choc su Stamina:   “Non ci sono cellule staminali”
Dai verbali dei Nas e dai pareri del comitato ministeriale di esperti emerge anche il rischio di contrarre il morbo della mucca pazza

CRONACHE, 19/12/2013, PAOLO RUSSO

ROMA Un metodo che non dovrebbe nemmeno chiamarsi «Stamina» perché di cellule staminali nelle misteriose infusioni ce ne sarebbero sì e no tracce. Nessun accenno a come le cellule mesenchimali del midollo si trasformerebbero in cellule cerebrali e dei tessuti nervosi, in grado di riparare i danni all’origine di molte malattie neuro degenerative, come Sla o Sma1. E persino lo spettro di contaminazioni da morbo di «mucca pazza». A gettare nuove ombre intorno al contrastato «metodo Vannoni» sono le carte sin qui “top secret” dei verbali dei Nas e degli organismi scientifici istituzionali, oltre che il parere, mai reso pubblico integralmente, con il quale il Comitato di esperti, poi giudicato «non imparziale» dal Tar Lazio, ha bloccato sul nascere la sperimentazione.  

Può chiamarsi compassionevole una terapia che non funzione e potrebbe essere pericolosa?

Cura poco miracolosa
EDITORIALI, 19/12/2013, EUGENIA TOGNOTTI

Non che sorprenda, in verità, ciò che sta emergendo in queste ore sulla formula Stamina, uscita finalmente da un cono d’ombra. Non solo non ci sono evidenze che la terapia funzioni, come si era sempre sospettato. 
Ma la sua somministrazione potrebbe perfino essere pericolosa e aprire la strada al rischio di trasmissione di malattie infettive, compresa l’Hiv, in assenza di controlli delle cellule dal donatore. O, ancora, alla contaminazione del morbo della «mucca pazza», la variante umana dell’encefalopatia spongiforme bovina, che deve il suo nome ai danni devastanti che produce sul cervello.  

lunedì 16 dicembre 2013

Parabola dell'Amministratore infedele

Luca 16,1-13

1 Diceva anche ai discepoli: «C'era un uomo ricco che aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi.
2 Lo chiamò e gli disse: Che è questo che sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non puoi più essere amministratore.
3 L'amministratore disse tra sé: Che farò ora che il mio padrone mi toglie l'amministrazione? Zappare, non ho forza, mendicare, mi vergogno.
4 So io che cosa fare perché, quando sarò stato allontanato dall'amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua.
5 Chiamò uno per uno i debitori del padrone e disse al primo:
6 Tu quanto devi al mio padrone? Quello rispose: Cento barili d'olio. Gli disse: Prendi la tua ricevuta, siediti e scrivi subito cinquanta.
7 Poi disse a un altro: Tu quanto devi? Rispose: Cento misure di grano. Gli disse: Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta.
8 Il padrone lodò quell'amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce.
9 Ebbene, io vi dico: Procuratevi amici con la disonesta ricchezza, perché, quand'essa verrà a mancare, vi accolgano nelle dimore eterne.
10 Chi è fedele nel poco, è fedele anche nel molto; e chi è disonesto nel poco, è disonesto anche nel molto.
11 Se dunque non siete stati fedeli nella disonesta ricchezza, chi vi affiderà quella vera?
12 E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
13 Nessun servo può servire a due padroni: o odierà l'uno e amerà l'altro oppure si affezionerà all'uno e disprezzerà l'altro. Non potete servire a Dio e a mammona».

sabato 14 dicembre 2013

Concorso sulla Costituzione Italiana: solo per le scuole statali

Determine n.746 del 09/12/2013

ORGANIZZAZIONE 7^ EDIZIONE DEL CONCORSO SULLA COSTITUZIONE DAL TITOLO "DONNE E COSTITUZIONE" RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE SCUOLE STATALI DI BUCCINASCO IN COLLABORAZIONE CON L'ASSOCIAZIONE A.N.P.I. - SEZIONE "FULVIO FORMENTI" DI BUCCINASCO
N.B. SOLO le scuole Statali.

Il Sindaco in difficoltà querela chi lo critica?

Tratto da: http://fiorellocortianasindaco.wordpress.com/2013/12/12/succede-a-buccinasco-italia/

Succede a Buccinasco-Italia
12 dicembre 2013 alle 16:30 | Pubblicato in comunicati | 1 commento
Etichette: 

4426694827_f0404b4fda_zIl sindaco Maiorano mi ha comunicato di aver querelato Luigi Saccavini per uno dei suoi articoli su Città Ideale.
Non è mio compito intervenire sugli aspetti giudiziari della querela, ma rilevo che questa si presenta come lo sviluppo coerente di un costante rovesciamento della realtà ad opera di molti esponenti della maggioranza , non tutti in verità e per fortuna.
Così non si denuncia alla Polizia Postale, dopo essersi impegnati a farlo, chi usa identità false sul sito Facebook del Comune, né chi manda mail anonime contro una funzionaria, mentre lo si fa con Luigi Saccavini che anima un blog di discussione che puntualmente rileva incongruenze e contraddizioni ospitando anche gli interventi del sindaco Maiorano.
Credo nella libertà di espressione e nella necessità di mantenere il confronto sul piano politico dove le critiche ad azioni e scelte, anche quelle ritenute a torto o a ragione ingiuste, rispettino la persona che le ha messe in atto.
Per questo esprimo la mia solidarietà a Luigi Saccavini che invece dei forconi usa i tasti e questa, oggi, è una differenza sostanziale per coloro che hanno a cuore la democrazia repubblicana. Il Presidente Einaudi invitava a “Conoscere per deliberare“.

giovedì 12 dicembre 2013

Rosy Bindi commenta la vittoria alle Primarie di Matteo Renzi

PD, vanno conservate le radici. Attenti alle tossine di Berlusconi
di Andrea Garibaldi - da Corriere della sera, 12/12/2013
Tratto da http://www.democraticidavvero.it/adon.pl?act=doc&doc=13295

Rosy Bindi, fondatrice del Pd, presidente della commissione parlamentare antimafia, ha una storia di botte verbali con Matteo Renzi. Oggi gli riconosce un merito grande: «La sua elezione a segretario del partito rompe la continuità Pci-Pds-Ds-Pd. Renzi realizza ciò che io ed altri non siamo riusciti a fare. Ci siamo sentiti spesso come se fossimo entrati in casa altrui». 

Però... 
«Renzi progetta un partito post-ideologico e lui è perfetto per questo. Ma non deve rinunciare ai legami con le culture del riformismo italiano, che sono le radici dell'Ulivo. Compresa naturalmente quella della sinistra postcomunista». Se tutto questo non accadesse? «Ricordo soltanto che togliere valore alle tradizioni politiche, attaccare la Costituzione, la funzione dei partiti, dei sindacati è la tossina messa in circolo da Berlusconi». 

mercoledì 11 dicembre 2013

Protezione Civile Buccinasco

 LA PROTEZIONE CIVILE IN SARDEGNA    
  stampa articolo
SONO IN PARTENZA PER OLBIA ALCUNI VOLONTARI CHE PORTERANNO MATERIALE DI PRIMA NECESSITÀ ALLE POPOLAZIONI COLPITE DALL’ALLUVIONE DELLE SCORSE SETTIMANE. IL SINDACO MAIORANO: “RINGRAZIAMO LA PROTEZIONE CIVILE, SEMPRE PRONTA A PORTARE AIUTI A CHI NE HA BISOGNO E A TRASMETTERE I VALORI DI RECIPROCITÀ E FIDUCIA”

apri 5627
Buccinasco (11 dicembre 2013) – Partiranno oggi pomeriggio in direzione Livorno dove si imbarcheranno per la Sardegna, destinazione Olbia, per portare ben tremila chili di materiale in aiuto delle popolazioni colpite dalla gravissima alluvione delle scorse settimane. Alla guida di un furgone del nostro Comune, due volontari della Protezione Civile di Buccinasco, Franco Malanchini e Luigi Rosa (per altro non gli unici ad offrire la propria disponibilità), si uniranno ai colleghi di Corsico e ad alcuni rappresentanti di associazioni sportive che nei giorni scorsi hanno promosso la raccolta di indumenti, cibo e materiale per la pulizia. In tutto tre furgoni e una decina di volontari che da Olbia saranno diretti al centro di smistamento degli aiuti per le varie zone della regione.
 
“Ancora una volta – afferma il sindaco Giambattista Maiorano – ringraziamo i nostri volontari della Protezione civile, sempre pronti a partire per portare aiuti e affrontare le emergenze dei territori colpiti da gravi calamità naturali e l’incuria dell’uomo: dopo l’Abruzzo e l’Emilia, ora tocca alla Sardegna. Li ringraziamo per il lavoro straordinario e per i valori di reciprocità e fiducia che trasmettono a tutti noi, soprattutto ai più giovani: anche quest’anno, infatti, tra i progetti previsti nel Piano per il diritto allo studio sono in programma incontri a scuola a cura della Protezione Civile”.
 
Ufficio stampa Comune di Buccinasco

Pubblicato il 11-12-2013

Statuto Comunale: dove trovarlo, come commentarlo, entro quando?



 .: STATUTO COMUNALE: LA PAROLA AI CITTADINI 
   
stampa articolo

apri 4409
Allegati:

La Commissione Statuto durante la riunione del 26 novembre 2013 ha licenziato la bozza definitiva del nuovo Statuto del Comune di Buccinasco. Il documento è il frutto di un lungo lavoro iniziato nel marzo di quest’anno, a cui hanno contribuito sia i membri di maggioranza che della minoranza elaborando la bozza articolo dopo articolo, proponendo e discutendo gli emendamenti.
La bozza è stata inoltre esaminata da alcuni dirigenti di Settore del Comune che hanno verificato alcuni aspetti legislativi e avanzato proposte di emendamento, poi discusse e accolte dalla Commissione. Ora la parola passa ai cittadini. Per favorire la discussione sarà aperto un apposito forum di discussione sul web esclusivamente dedicato allo Statuto, dove inserire commenti e proporre emendamenti. Le richieste di emendamento potranno essere inviate anche all'indirizzo mail statuto@comune.buccinasco.mi.it oppure, in forma scritta, spedite o recapitate a mano e protocollate in Comune.

La bozza di Statuto verrà infine inviata alle Direzioni didattiche di tutti gli istituti scolastici e ai soggetti economici e sociali del territorio. Per giovedì 9 gennaio 2014 è fissata un’assemblea pubblica per discutere insieme e chiarire ogni aspetto della bozza di Statuto. Il termine per la consegna di osservazioni ed emendamenti dei cittadini è fissato per il 31 gennaio. Nel mese di febbraio la Commissione prenderà in esame e discuterà le osservazioni e gli emendamenti dei cittadini. Accoglimento o non accoglimento degli stessi saranno motivati dalla Commissione.
Si prevede per il mese di marzo la seduta del Consiglio comunale durante la quale si procederà alla definitiva discussione e approvazione dello Statuto.

In allegato la bozza dello Statuto.

Pubblicato il 10-12-2013


I "potenti" del mondo..., ed il falso interprete?

Tutto in questa notizia farebbe pensare che si tratti di una bufala...

Il falso interprete dei segni al Memorial di Mandela
I gesti che faceva con le mani non avevano nessun significato, l'accusa della Federazione dei Sordi sudafricana.

Yahoo NotizieScritto da Andrea Signorelli | Yahoo Notizie –
80mila persone hanno assistito al Memorial in onore di Nelson Mandela, trasmesso dalle tv di tutto il mondo. Una platea talmente ampia che si è reso necessario un interprete che traducesse i discorsi nella lingua dei segni per i sordi. Tutto bene quindi? Non tanto, visto che la Federazione dei Sordi del Sudafrica ha fatto sapere che l'uomo utilizzato per la traduzione nella lingua dei segni dei discorsi che si sono tenuti al memorial era un finto interprete. Il linguaggio dei segni sudafricano copre tutte le 11 lingue ufficiali della nazione.
L'uomo, secondo la denuncia, si stava semplicemente inventando tutto: "Muoveva le sue mani ma non c'era nessun significato nei gesti", ha detto il direttore della Federazione Bruno Druchen. La cosa è stata anche confermata dalla parlamentare Wilma Newhoudt, moglie di Druchen e anche lei sorda. Stessa interpretazione da parte di Nicole Du Toit, un'interprete ufficiale che ha detto di essersi sentita "profondamente imbarazzata".

lunedì 9 dicembre 2013

Quartiere Terradeo, Buccinasco.


Ricevo per conoscenza e pubblico volentieri.
Franco

APERTA M ENTE
di Buccinasco


Saccavini, per carità si fermi !!!

Stiamo assistendo da quattro giorni ai suoi ‘interventi’ sul suo Blog riguardanti il Quartiere Terradeo di Buccinasco e i suoi abitanti Sinti.
Lei sostiene che, dopo una segnalazione di un ”cittadino per bene” alla Polizia Locale, sarebbe stata allertata Enel Sole s.p.a. per le forniture di energia elettrica al Terradeo, che lei insinua siano irregolari, con qualche ‘complicità’, nientemeno, dice lei, da parte delle Amministrazioni comunali, di segno diverso, che si sono succedute nel tempo a Buccinasco. Abbiamo capito bene?
Inoltre si cimenta in una lunga teoria di supposizioni, spaziando con la fantasia sulla loro vita: decide lei quanti sono, dove abitano, di cosa vivono, il loro rapporto con la scuola dei loro bimbi, cosa fanno e cosa dovrebbero fare, quanto sono costati alla comunità, e su un Piano di integrazione, che secondo lei non esisterebbe, ecc.
Ma chi le dà il diritto di mettere in piazza in questo modo i problemi di una Comunità di nostri concittadini che, nonostante gli sforzi loro e delle Associazioni del Terzo Settore, che con loro da anni collaborano, faticano a stabilizzare a un livello accettabile le proprie condizioni di vita? O pensa che non abbiano diritto al rispetto nelle comuni regole di convivenza?
Il periodo del commissariamento ha visto alcune discutibili scelte fatte dal Commissario, che non hanno certamente facilitato le cose. La crisi economica, che colpisce la maggior parte dei cittadini sta facendo il resto. Senza dimenticare che i Sinti erano già prima colpiti, oltre che da vergognosa emarginazione, da pesanti difficoltà, sul piano, ad esempio, delle possibilità di lavoro.
Lei si ritiene bene informato?
Lei che ci conosce bene e che sa cosa facciamo da anni, il Progetto d’inclusione sociale al quale lavoriamo, lei che ha scritto spesso, e anche positivamente, di noi e della nostra gente (basta scorrere il suo blog), se voleva dare un concreto e  positivo contributo alla comprensione dei nostri numerosi  veri  problemi irrisolti… bastava una telefonata, una e-mail per  fissare un incontro, per chiedere , vedere, approfondire, chiarire e poi eventualmente scrivere. Cosa che lei si è ben guardato dal fare. Comunque un’occhiata alla nostra pagina FB: Apertamente di Buccinasco  le avrebbe permesso di evitare di scrivere… inesattezze.
Dunque, per tranquillizzare lei e i suoi lettori sulla questione delle forniture elettriche:
Il Blocco Servizi è di proprietà del Comune. Dal punto di vista elettrico è autosufficiente. Sul suo tetto sono installati alcuni pannelli solari che lo alimentano. Non richiedono nessun contratto.
Nei due-tre mesi invernali viene invece attivato un apposito contratto con ENEL ma solo per alimentare le serpentine dell’impianto che  impediscono alle tubature dell’acqua di gelare quando la temperatura va sotto zero.
-A fornire l’energia elettrica ai pali d’illuminazione notturna del Terradeo provvede un pannello solare specificamente dedicato, anch’esso collocato sul tetto del blocco servizi.
L’impianto è uno dei quattro impianti a pannelli fotovoltaici di proprietà del Comune. Gli altri tre sono allocati in altrettanti Parchi pubblici. La manutenzione (solo la manutenzione!) è a carico della proprietà, appunto il Comune di Buccinasco.
Da tempo quest’ultimo impianto NON è in funzione a causa di un guasto, che abbiamo provveduto a segnalare, e siamo in attesa di un intervento del servizio manutenzione comunale per la riparazione.
L’impianto, per come è stato progettato, NON  può essere collegato alla rete pubblica. Ovviamente. Crediamo che lo possano capire tutti.
-Le utenze delle singole famiglie: ogni famiglia residente nel Quartiere ha un regolare contratto stipulato con l’Amministrazione comunale. Questo contratto assegna ad ogni famiglia una piazzola dove abitare, fornita di colonnina per l’attacco a luce, acqua, fognatura. Proprio come nei campeggi. Sino ad oggi il contratto di fornitura era mensile e a forfait: dunque,  pagato anticipatamente. Se no, niente corrente. E la corrente, se non la si pagava prima, nemmeno la si riceveva.
Conclusioni
Le proponiamo un Incontro per sabato 14.12.2013 dalle ore 10.30 presso il Quartiere Terradeo, ospite delle  famiglie Sinte e dell’Associazione Apertamente. In quella occasione potrà, attraverso la sua visita, verificare quanto da noi sopra affermato, oltre ad aver risposta a tutte le domande che riterrà di  fare. Ci auguriamo che lei accetti l’invito, così avrà anche l’occasione di mostrarci i documenti e le testimonianze, su cui lei ha costruito i contenuti dei suoi articoli.
Alla fine dell’incontro, che ci impegniamo come Apertamente perché si svolga, come in altre occasioni (ad esempio con Amnesty International), nella  massima correttezza, saremo felici di porgere a lei e agli altri presenti i nostri Auguri di Buone Feste e una fetta di panettone.
L’invito è esteso ai rappresentanti della Stampa , all’Amministrazione comunale di Buccinasco, a Forze Politiche, Associazioni Culturali di Volontariato, Parrocchie, Operatori di Settore, Direzioni Didattiche, Cooperative Sociali B, e, naturalmente, a tutti i nostri Concittadini che vorranno conoscerci.
Un Saluto.
Associazione Apertamente - Ernesto Rossi, Augusto Luisi
Buccinasco 08.12.2013

________________________________________________________________________________________________
Sede legale e operativa: Quartiere Terradeo, via dei Lavoratori, 2 – 20094 Buccinasco MI
Domicilio fiscale: Ernesto Rossi, via Manzoni 15 B – 20090 Trezzano sul Naviglio MI (Italia) tel.333 86 28 466
Costituita il 13 novembre 2006, registrata a Milano l’8 marzo 2007, n.1753, serie 3. Codice fiscale 97459790156

giovedì 5 dicembre 2013

Il testo dell'Appello che dovranno sottoscrivere gli Elettori che parteciperanno alle Primarie del PD

Appello (obbligatorio)
 Ho letto e accetto l'appello

Noi, democratiche e democratici, iscritti ed elettori del PD, scegliamo con le Elezioni primarie il Segretario nazionale e la nuova Assemblea nazionale del Partito Democratico.
Lasciamo il nostro segno per decidere il futuro del PD e dell'Italia. 
Noi sappiamo che l'Italia può uscire dalla più grave crisi economica e sociale dell'ultimo secolo, che il nostro futuro è nell'Europa unita e solidale, che la politica può recuperare prestigio e autorevolezza e dare una speranza ai cittadini. 
Noi speriamo nel PD, l'unica formazione politica che ha scelto di riconoscersi come partito e di unirsi in nome della democrazia, secondo il dettato costituzionale: "Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale". 
La sfida che ci attende per il futuro dell'Italia e per la qualità della nostra democrazia è troppo alta e importante. 
È un impegno, solenne, che chiama ciascuno a essere protagonista dell'Italia che vogliamo fuori dalla crisi, dell'Italia che vogliamo forte, unita e rinnovata. 
Io voto perché oggi rinnoviamo il nostro patto fondativo. 
Oggi è il nostro appuntamento.

domenica 1 dicembre 2013

Buon Natale

L'anno scorso ho ricevuto una mail con gli auguri di Natale in diversi dialetti italiani.  Credo di fare cosa utile riprendendola qui ed ora:

Bolognese - Bån Nadèl e un ân nôv pén ed felizitè 
Bresciano - Bon Nedal e bu an nof 
Calabrese - Buonu Natali e filici annu nuovu 
Ferrarese - Auguri'd bon Nadal e bon an nòv 
Griko Salentino - Kalò Kristù ce na chrono nèo comào 'zze charà 
Parmigiano - Bon Nadèl e dla felicitè par al an nòv 
Piemontese - Bon Natal e Bon Ann neuv 
Reggiano - Boun Nadèl e boun an nòv 
Emiliano e Romagnolo: Bon Nadèl! e feliz 'an nov 
Siciliano - Bon Natali e filici annu novu 
Veneto - Bon nadae! e bon ano novo 
Zeneise - Bon Denà e feliçe anno neuvo
Friulano - Bon Nodal!
Campano - Bònnatàl'!
Catanese - Bon' Natali a tutti pari!
Palermitano (1) - Bon natali e bon capurannu!
Palermitano (2) -Bon' nnatale e bonn'annu nuavu!
Sardo logudorese (prov. Sassari) - Bon Nadale!
Bergamasco - Bu nedal!
Milanese - Bun nadal a tuch!
Milanese (provincia) - Bun nata e an felis!
Triestino - Bon nadal
Sardo campidanese - A si bi s'annu kie edi mannusu e bonusu