IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

martedì 31 gennaio 2017

Renzi ed il PD avevano scritto per noi la legge elettorale più bella del mondo, quella che tutti i popoli del mondo ci avrebbero invidiato e poi avrebbero copiato... Peccato fosse un pochino anticostituzionale!a

tratto da:  http://www.aldogiannuli.it/analisi-sentenza-corte-costituzionale/
La sentenza della Corte Costituzionale ed i suoi effetti: un commento a mente fredda.
Scritto da Aldo Giannuli, 29 Gennaio 2017

Non abbiamo, ovviamente, ancora il testo delle motivazioni della sentenza che permetterebbero una valutazione più penetrante e completa, ma già ora possiamo tentare una riflessione più a freddo degli scorsi giorni.
Scrivendo subito dopo la notizia della sentenza, e sulla base di frettolosi commenti di agenzia, sono caduto in errore: non è affatto vero che la Corte abbia bocciato i capilista bloccati ma, molto più semplicemente, ha limitato la loro libertà di optare per un collegio, in caso di candidature plurime, ed ha introdotto il sorteggio. Cose che accadono quando si è costretti a scrivere a tamburo battente. D’altro canto, avvertivo sin dal titolo che era solo un primissimo commento, necessariamente incompleto e provvisorio. Adesso veniamo al merito.
Partiamo dai due difetti di origine di questa sentenza: il non avere considerato la legge nel suo complesso e il restare in una  confortevole vaghezza sul tema del principio di rappresentanza.
Mi spiego meglio: la Corte, normalmente, risponde a quesiti più o meno particolari e, pertanto, spesso non prende in considerazione le leggi nella loro interezza a meno che questo non sia nel quesito passato al vaglio della giurisdizione ordinaria. E questa volta c’erano cinque diverse ordinanze di remissione di altrettanti tribunali che puntavano l’attenzione su singoli aspetti della legge.

domenica 29 gennaio 2017

Per fare il Sindaco ci vuole il cuore?

Sì, il cuore, la milza ed anche l'ipotalamo...


E magari anche un po' di capacità.  Oppure no?



L'ipotalamo è una struttura del sistema nervoso centrale situata nella zona centrale interna ai due emisferi cerebrali. Costituisce la parte ventrale del diencefalo e comprende numerosi nuclei che attivano, controllano e integrano i meccanismi autonomici periferici, l'attività endocrina e molte funzioni somatiche quali la termoregolazione, il sonno, il bilancio idro-salino e l'assunzione del cibo. L'ipotalamo controlla molte attività connesse all'omeostasi.

sabato 28 gennaio 2017

Che spettacolo...! Dopo 5 anni di governo fallimentare non solo si ricandidano,ma litigano tra di loro!

Tratto da:   https://pdbuccinasco.wordpress.com/2017/01/26/buccinasco-il-partito-democratico-le-primarie-e-maurizio-carbonera/
BUCCINASCO: IL PARTITO DEMOCRATICO, LE PRIMARIE PER IL SINDACO E MAURIZIO CARBONERA
Domenica 15 gennaio, in una affollata assemblea di iscritti e simpatizzanti, il Partito Democratico di Buccinasco ha scelto David Arboit quale suo candidato Sindaco alle prossime amministrative. A differenza di quanto accade altrove, la scelta di David ha avuto un carattere unitario. Unito, pur con qualche legittimo dubbio e perplessità mai diventata opposizione, il PD di Bucci si è pronunciato anche per la scelta delle primarie del Centrosinistra. Ma chi dubitava perché dubitava?
Una prima ragione. Dalle primarie si è esclusa quella porzione di maggioranza che fa riferimento all’area più di sinistra, in particolare i compagni di Rifondazione Comunista, pur partecipando agli incontri di impostazione programmatica. Quindi competizione ristretta dunque a PD e Lista per Buccinasco.
Seconda perplessità. Fallito il progetto di definire un’unica candidatura, la Lista Per Buccinasco si pronuncia per un “liberi tutti”. Quindi la Lista, a un certo punto, sembra proporre non una, ma ben tre autocandidature: Rosa Palone, Maurizio Carbonera, Rino Pruiti.

martedì 17 gennaio 2017

Primo passo verso le elezioni amministrative di questa primavera

Tratto da: https://pdbuccinasco.wordpress.com/2017/01/17/david-arboit-candidato-sindaco-del-partito-democratico-di-buccinasco/
DAVID ARBOIT CANDIDATO SINDACO DEL PARTITO DEMOCRATICO DI BUCCINASCO
davidarboitdi Guido Morano
Come è noto la prossima primavera si voterà per le elezioni amministrative anche a Buccinasco. Quando il Sindaco Maiorano ha annunciato di non ricandidarsi, il Partito Democratico di Buccinasco ha avviato il confronto tra iscritti e simpatizzanti per individuare il candidato migliore. Domenica 15 gennaio, in una bella e affollata assemblea del nostro Partito, dopo la conclusione della discussione, i presenti hanno scelto con un voto all’unanimità David Arboit, attuale assessore all’istruzione e cultura.
Entrato in consiglio comunale nel 2012 come eletto nella lista del PD, Arboit è stato capogruppo per metà del mandato per poi affiancare il Sindaco in Giunta nel novembre del 2014.
La scelta è stata fatta con responsabilità, valutando molto positivamente l’operato di David come Assessore, le qualità intellettuali, la trasparenza del suo operato e la passione che ha messo in questi anni nel lavoro politico.
Come tutti i nostri amministratori anche David vive del suo lavoro: è socio di uno studio professionale che si occupa di editoria scolastica. Ha sacrificato in questi anni molta parte del suo tempo personale e familiare dedicandosi all’impegno politico e amministrativo.
Accettando il mandato politico ricevuto dalla Assemblea del PD, si è impegnato al confronto con le forze che attualmente sostengono la Giunta Maiorano per verificare programmi e tempi di realizzazione delle primarie per la scelta del candidato della coalizione di Centrosinistra.
Il circolo del PD di Buccinasco è con lui, a sostegno della sua candidatura e del suo programma.

venerdì 13 gennaio 2017

Il problema dell'acqua negli USA

Tratto da:  http://www.laboratoryequipment.com/news/2017/01/could-water-soon-become-unaffordable-us-households?et_cid=5779001&et_rid=45516372&type=cta&et_cid=5779001&et_rid=45516372&linkid=http%3a%2f%2fwww.laboratoryequipment.com%2fnews%2f2017%2f01%2fcould-water-soon-become-unaffordable-us-households%3fet_cid%3d5779001%26et_rid%3d%%subscriberid%%%26type%3dcta


At-risk and high-risk census tracts. Photo: MSU
A study from Michigan State University, published in PLOS ONE this week, states that the number of U.S. households unable to afford water could triple in five years, if water rates continue to rise at current projected amounts.
“Water is a fundamental right for all humans,” said Elizabeth Mack, assistant geography professor at MSU. “However, a growing number of people in the United States and globally face daily barriers to accessing clean, affordable water.”
The EPA recommends that households spend no more than 4.5 percent of their income on water and wastewater services, but the MSU study found that 13.8 million households, or nearly 12 percent of all households in the U.S., spend more than they can afford on these bills.
Since 2010, water rates have increased 41 percent. If this trend continues, the MSU researchers projected that 40.9 million, or 35.6 percent of households won’t be able to afford this necessity.

giovedì 5 gennaio 2017

Migrazioni in Europa. I FATTI


4 maps that will change how you see migration in Europe

Migrant children pose before passing the Austrian-German border in Achleiten, Austria, across from Passau, Germany, October 29, 2015.
Migrant children pose before passing the Austrian-German border in Achleiten.
Image: REUTERS/Michaela Rehle
Written by   Alex Gray    Senior Writer, Formative Content
Published   Tuesday 16 August 2016
Did you know that Polish people represent the highest percentage of the foreign-born population in Norway? Or that the largest proportion of immigrants to the Republic of Ireland hail from the UK?
These four maps, created by Jakub Marian, a Czech linguist, mathematician and artist, are based on a 2015 study by the United Nations on international migration. They show European migration split into various numbers:
1. The percentage of the population of each country that is made up of foreign-born migrants
2. The most common country of origin for that number
3. Whether that number has gone up or down in the past five years
4. The immigrant populations that are expanding the most

mercoledì 4 gennaio 2017

Mentre il Governo (pro tempore) vorrebbe giudicare sulla verità delle notizie...

.... e censurare quelle non gradite.... i giornali ieri hanno espresso al meglio la capacità di fare copia incolla senza controllare le fonti.


Come nasce una bufala giornalistica: lo “scoop” della nascita della figlia di Samantha Cristoforetti

La notizia in sé è lieta: Samantha Cristoforetti ha dato alla luce una bimba. Il modo in cui la stampa italiana l’ha gestita, invece, è piuttosto deprimente: è un esempio, piccolo ma chiaro, di come il giornalismo (non tutto, ma quasi tutto) oggi lavori in maniera dilettantesca e superficiale, andando contro le regole più elementari del mestiere.