IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

martedì 30 agosto 2011

Nanoingredienti nei prodotti solari: la posizione della FDA e quella dei produttori

Un articolo di qualche settimana fa, ma visto il caldo di questi giorni potrebbe essere ancora interessante:

source: http://www.cosmeticsdesign-europe.com/Regulation-Safety/Public-interest-groups-label-FDA-sunscreen-rules-disappointing-over-nanotechnology-omission/?c=h2fgna4bZR7AKDQtjTxo%2FA%3D%3D&utm_source=newsletter_daily&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter%2BDaily


Public interest groups label FDA sunscreen rules 'disappointing' over nanotechnology omission
By Andrew McDougall, 27-Jun-2011

The U.S. Food and Drug Administration's newly released sunscreen rules do not take into account the risks posed by nanoscale ingredients according to some public interest groups, leading them to label the latest announcement 'disappointing'.

Last week the FDA announced the new rules for sunscreen labeling and the safety measures surrounding sunscreen and were backed by several organizations including the Personal Care Products Council.
However Friends of the Earth, and The International Center for Technology Assessment and Consumers Union say that the FDA is missing the key health threat that nanotechnology poses.
"The FDA's new rule fails to address any of the concerns we raised five years ago in our legal petition," said George Kimbrell Senior Attorney at ICTA. "FDA's continuing failure to address these pressing health and environmental risks is extremely disappointing and unlawful."
"The FDA's new sunscreen standards miss the boat by ignoring this key health threat. The FDA has known about the threats posed by nanotech sunscreens for years, yet it refuses to regulate or require labeling for these products," added Ian Illuminato, health and environment campaigner at Friends of the Earth. "Why is it that the FDA continues to falter in protecting Americans' health?"
Nanoscale ingredients are widely used in sunscreens to make the sun-blocking ingredients titanium dioxide (TiO2) and zinc oxide (ZnO) appear more transparent when it is rubbed on, instead of white.
Different size, different properties
These materials have been shown to exhibit different fundamental physical, biological, and chemical properties than their larger counterparts.
According to ICTA, very few nanomaterials have been adequately tested for safety, though the limited data available shows their small size enables them to enter the lungs, pass through cell membranes, and possibly penetrate damaged or sun-burnt skin.
Michael Hansen, PhD, senior scientist at Consumers Union is fully behind further research to get to the bottom of nanotechnology use in consumer products.
"Our government must promote research focused on the health and safety of nanomaterials and in the meantime protect the public from these ingredients. We are far from getting 'full-spectrum' protection from our regulators when it comes to sunscreens, the FDA rules will also allow other potentially toxic ingredients such as oxybenzone to remain in sunscreens," said Hansen.
One of the ingredients in question, zinc oxide, in nano and conventional/bulk form, is not approved for use in cosmetics in the European Union due to inherent toxicity.

lunedì 29 agosto 2011

Troubleshooting

da Wikipedia, l'enciclopedia libera. tratto da: http://it.wikipedia.org/wiki/Troubleshooting

Con l'espressione inglese troubleshooting ("eliminazione del problema") si intende un processo di ricerca logica e sistematica delle cause di un problema, affinché possa essere risolto, il prodotto, o processo, che ne è affetto torni ad essere nuovamente operativo e il malfunzionamento non si verifichi più.

È necessario nello sviluppo e nel mantenimento di sistemi complessi, in cui i sintomi dei possibili problemi possono avere a monte diverse cause differenti. Il troubleshooting è usato ad esempio in ingegneria, in elettronica, in informatica e nello sviluppo del software - dove è più corretto parlare di debug -, nella gestione delle reti e in medicina diagnostica.

Il troubleshooting consiste inizialmente nell'identificazione del malfunzionamento e quindi in una ricerca della sua causa attraverso un processo di eliminazione progressiva delle possibili cause conosciute.

I malfunzionamenti "intermittenti" sono difficili da diagnosticare.

domenica 28 agosto 2011

Non tutti i ricercatori USA sono contenti

Tratto da: http://www.biotechniques.com/news/biotechniquesNews/biotechniques-320261.html?utm_source=BioTechniques+Newsletters+%26+e-Alerts&utm_campaign=f9b11ef85b-Daily_08112011&utm_medium=email

Research Versus Family - Young scientists who have fewer children than desired are considering leaving the science profession entirely
08/22/2011 Bow Young Kim

Almost half of female researchers and a quarter of male researchers at top research universities say that they have had fewer children than they wanted because of their scientific careers, according to new research published by sociologists from Rice University and Southern Methodist University (SMU). As a result, young scientists of both sexes who feel this way are more likely to consider professions other than science.

“When we find that young scientists are considering leaving because of family factors, we then need to think about this more carefully, if we want more research scientists at high level universities,” said study author Elaine H. Ecklund of Rice.

In their study, Ecklund and Anne E. Lincoln of SMU surveyed 3455 faculty members, graduate students, and postdoctoral fellows from Ph.D. programs from over 30 U.S. universities about the overall life satisfaction of scientists balancing career aspirations and family duties.

According to the results, 45.4% of surveyed women and 24.5% of surveyed men reported that having less children than they wanted negatively affected their life satisfaction. Overall, about 17% of both men and women reported being dissatisfied in their lives outside of their science career. Interestingly, the survey suggests that the career versus family life struggle has a greater impact on male satisfaction than that of female scientists.

“That was a little bit surprising to us, and we are following up to find out why,” said Ecklund. “We’re actually doing a follow-up study looking at those who indeed left, so that’s a new research study that we’re involved in right now.”

Because of concerns over the ability to maintain both a fulfilling family life and a scientific career, about 25% of young scientists surveyed have considered leaving the profession. To combat this trend, universities have developed programs, such as on-site daycare and mentoring programs, to help scientists find balance in their lives. On a larger scale, the National Science Foundation and the National Institutes of Health both have programs designed to support researchers with families, mostly targeted towards female scientists.

“Our research shows that both men and women should probably be included in these kinds of programs. Although it is wise to spend more efforts on women, men should be taken into account as well,” said Ecklund.

The paper, “Scientists want more children,” was published 5 August 2011 at PLoS One.

sabato 27 agosto 2011

Riflessioni sui giovani e le università

Segnalo questo articolo, secondo me utile per iniziare alcune riflessioni sui giovani e le scelte universitarie
http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2011-08-24/nella-classe-dirigente-futuro-063926.shtml?uuid=AaaFGXyD

Nella classe dirigente del futuro
di Gianni Toniolo - 24 agosto 2011

L'assistente di volo che, istruita da improvvidi esperti di pubbliche relazioni, annuncia che «l'atterraggio è avvenuto in orario» non mi rende orgoglioso del mio Paese. La puntualità dei voli dovrebbe essere normale, sta diventando più frequente, ma non mi pare un evento da celebrare. Ho gustato il bel film Il primo incarico, opera prima di Giorgia Cecere, ma non mi ha reso orgoglioso di essere italiano: trovo scontato che un grande Paese, con una non forte tradizione cinematografica, produca anche opere di ottimo livello. Un giovane e dinamico rettore sta rilanciando la mia Alma Mater, ne ha completato lo statuto, primo tra gli atenei italiani, ne ha messo in sicurezza il bilancio. Mostra che, malgrado i lacci e lacciuoli non diminuiti dalla legge Gelmini, si possono fare in poco tempo molte cose. Ne sono felice, ma questo non mi rende orgoglioso di essere italiano: non è il solo esempio di università che funziona e mi pare normale che così debba essere. Lo stesso vale per la Venice International University nell'isola di San Servolo, luogo di collaborazione tra università di tutto il mondo, punto di incontro tra cinesi ed europei: è un'idea originale, funziona bene, ha recuperato l'uso di un'importante isola della laguna. A suo tempo ho dedicato energie per farla nascere, sono contento che sia cresciuta bene ma va da sé che così debba essere: non mancano in un Paese come il nostro buone idee e buone istituzioni, ciascuno ne può elencare parecchie. Non bastano a farci sentire orgogliosi di essere italiani.

Insomma l'esercizio al quale talvolta ci si dedica di segnalare imprese con la tecnologia più avanzata del mondo, trasporti efficienti, impiegati pubblici che fanno il proprio dovere, scuole con punteggi Pisa molto più alti della media europea e numerosissimi altri esempi di un'Italia che funziona è opportuno nel clima di scoramento e pessimismo che ci circonda. Incoraggia a pensare, con Agostino d'Ippona, «se ce la fanno questi e quelle, perché non posso riuscirci anch'io?». È già molto ma, almeno per quanto mi riguarda, non trovo l'orgoglio di essere italiano nelle molte buone cose che normalmente, senza tante fanfare, si osservano - senza nemmeno cercare molto - in un Paese con la cultura, la civiltà e la storia (anche economica) quale è il nostro. L'orgoglio autentico viene dalle cose inaspettate, rare, difficili da trovare sotto cieli diversi dal nostro. Posso dire di essere stato orgoglioso della ricchezza culturale, della spontaneità, della diffusione capillare delle iniziative per la celebrazione del 150° dell'Unità. Ne posso offrire diretta testimonianza. Soprattutto mi ha inorgoglito la risposta, a volte davvero corale, a queste iniziative perché inaspettata dai più, anche da quei politici che dovrebbero, per mestiere, avere il polso del Paese. Ma di queste celebrazioni i giornali, anche questo giornale, hanno detto molto e non è il caso di ripeterlo ora.

Se torno con la mente agli ultimi dodici mesi, vi è un'iniziativa, sconosciuta ai più, alla quale ho avuto la fortuna di partecipare che mi ha reso orgoglioso e infuso speranza (le due cose, di questi tempi, vanno insieme). L'esperienza da me vissuta si è svolta, l'estate scorsa, a Camigliatello Silano (Cosenza) ma altre analoghe si sono tenute in località altrettanto ben scelte. Di che cosa si è trattato? Da moltissimi anni la Scuola Normale Superiore di Pisa organizza settimane di orientamento alla scelta della facoltà per gli studenti che hanno completato il quarto anno della scuola superiore. Sin qui nulla di eccezionale. Presentazioni delle facoltà si fanno in tutti i licei, in tutte le università, e consistono in genere in una descrizione più o meno burocratica dei programmi di studio e in un po' di propaganda (sì: finalmente le università cominciano a farsi un po' di concorrenza). L'idea geniale, che io sappia unica al mondo, della Normale consiste nel radunare studiosi di alto livello in tutte le principali discipline e chiedere loro, semplicemente, di tenere una tipica lezione universitaria. Nessuna presentazione di programmi e libri di testo né discussione dei possibili sbocchi professionali; solo lezioni, rigorose e difficili, come possono essere quelle di professori universitari seri, amanti del proprio mestiere. La partecipazione a queste settimane di "orientamento" è riservata, per concorso, ai migliori studenti del quarto anno di corso liceale o superiore. La selezione è molto forte (anche questo, se si vuole, è un aspetto "originale" dell'iniziativa, in un Paese nel quale la parola selezione fa spesso venire l'orticaria).

Arrivo, dunque, in piena estate, nel pieno cioè delle sacre vacanze per gli studenti promossi, al fresco di Camigliatello Silano, tra i pascoli e i boschi di pino larico del Parco nazionale della Sila. Dall'aeroporto di Lamezia il viaggio non è breve; l'ultima parte della strada è tortuosa, arrivo pertanto all'ora di cena. Nel ristorante dell'albergo, interamente requisito, trovo una pattuglia di professori universitari e un centinaio di ragazzi e ragazze. Mi siedo con questi ultimi. Mi aspettavo tipi un po' secchioni e mi ritrovo tra giovani allegri, solo inizialmente un po' intimiditi dall'adulto: fanno amicizia tra loro, scherzano, parlano delle proprie esperienze e dei propri progetti con un entusiasmo che fa bene ma non sorprende. La sorpresa arriva la mattina dopo. Alle nove sono già tutti in un'aula ariosa, ricavata in una masseria accuratamente restaurata, quaderni in mano o laptop aperti. Lezione di fisica: si può spiegare l'intero universo con una sola equazione? Il collega è bravissimo, di una chiarezza cristallina ma l'argomento non è dei più facili. Parla per un'ora. Vedo che l'attenzione non diminuisce ma sono un po' scettico su quanto possano capire questi diciassettenni. Lo scetticismo evapora non appena inizia la discussione. Questi ragazzi, mi dico, hanno studiato la fisica meglio di me. Le domande sono precise, riguardano aspetti specifici, la verbosità generica è bandita. Avevo già partecipato, anni addietro in Toscana, a una simile settimana di "orientamento" della Normale. Ricordo ragazzi bravissimi, ma non quanto questi di provenienza prevalentemente meridionale. La sorpresa continua quando svolgo la mia lezione sull'economia dell'Italia nel cinquantennio post-unitario. Il livello di conoscenze che emerge dalle domande sull'unificazione del mercato, sulle tesi di Romeo e di Gramsci, sullo scandalo della Banca Romana è tale che presto la sorpresa lascia posto all'orgoglio. Questa competenza, questa serietà di studio, questo interesse non si trovano, che io sappia, facilmente altrove. L'iniziativa geniale della Normale trova piena rispondenza in una piccola straordinaria élite di ragazzi che io sappia normalissimi nella loro allegria, nelle loro speranze e nelle loro paure e al tempo stesso eccezionali per vivacità intellettuale, preparazione e interesse allo studio. Osando parafrasare il Poeta: «se non di questo, di che inorgoglirti suoli?».

venerdì 26 agosto 2011

Politica CONTRO le famiglie ?

Leggo (LINK) che il nuovo ticket sulle spese sanitarie avvantaggia le famiglie di fatto contro le famiglie regolari.
Grazie

Fine? Fine! - Affidamento servizio di conservazione del patrimonio verde comunale)

COMUNE DI BUCCINASCO - PROVINCIA DI MILANO - DETERMINAZIONE N° 659 DEL 25/8/2011
OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO VERDE COMUNALE 2011 – 2013.
APPROVAZIONE VERBALI DI GARA. AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ALLA DITTA GREEN SYSTEM S.R.L. DI CUSAGO (MI). ASSUNZIONE IMPEGNO DI SPESA.

... IL COMMISSARIO AD ACTA ... DATO ATTO che la Ditta Green System s.r.l. di Cusago (MI), a seguito delle risultanze di gara, veniva considerata aggiudicataria provvisoria del servizio in oggetto, con un ribasso del 51,08% (cinquantuno virgola otto per cento) sull’importo posto a base d’asta di euro 1.586.514,66 ... DETERMINA ... DI AGGIUDICARE in via definitiva, conformemente alle risultanze di gara, il “Servizio di conservazione del patrimonio verde comunale 2011 – 2013” alla Ditta Green System s.r.l. con sede legale in Cusago (MI), per l’importo di euro 776.123,01 oltre IVA, avendo offerto un ribasso del 51,08% (cinquantuno virgola otto per cento) sull’importo a base d’asta ... DI IMPEGNARE la somma complessiva di euro 931.347,61 (IVA compresa), così ripartita:
- euro 155.224,60 all’intervento 1090603 – capitolo 9290 – del bilancio di previsione per
l’anno 2011;
- euro 465.673,81 all’intervento 1090603 – capitolo 9290 – del bilancio di previsione per
l’anno 2012;
- euro 310.449,20 all’intervento 1090603 – capitolo 9290 – del bilancio di previsione per
l’anno 2013;

Il "problema" delle monete da 1, 2, 5 centesimi: costano più di quello che valgono ?

Tratto da: http://www.corriere.it/cronache/11_agosto_24/no-ai-centesimi-il-prete-e-le-monete-che-nessuno-vuole-paolo-conti_c8d46c98-ce16-11e0-8a66-993e65ed8a4d.shtml

Il prete e le monetine che nessuno vuole - «No ai centesimi». Cinque miliardi persi nei cassetti
Acquisti - La Finlandia le ha abolite, un parroco le rifiuta

ROMA—Ad Atella, comune di 3.800 abitanti in provincia di Potenza, non parlano d’altro. Domenica scorsa don Domenico Traversi, parroco della cattedrale di Santa Maria ad Nives (XIV secolo) avrebbe insistito durante l’omelia sull’inutilità di ritrovare, nelle cassette per le offerte, manciate di monete da 1 e 2 centesimi: li butto via, avrebbe detto, nessuno li usa. Il tutto è finito su La Gazzetta del Mezzogiorno corredata dalla notizia che il fruttivendolo più vicino avrebbe deciso di seguire l’indicazione, arrotondando i prezzi ai centesimi superiori. Don Domenico ora è furioso, parla di travisamento dello sfogo, annuncia lettere di chiarimento, ma ammette: «No, i soldi non li butto. Ma certo non è a forza di centesimi che si possono pagare i tremila euro di nuovo impianto Enel deciso dalla Curia...».

I centesimi di rame dell’euro rappresentano una delle innumerevoli contraddizioni dell’Italia. Nessuno riesce a usarli, quando capitano in tasca diventano subito zavorra inutile (salvo depositarle nelle cassette delle Chiese) ma l’Italia ne è (appunto inutilmente) sommersa. Nel nostro Paese, dal 2002 a oggi, circolano 6 miliardi e 700 milioni di pezzi dei tre piccoli tagli di centesimi, battuti dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. Due miliardi e 600 milioni per la monetina da 1 centesimo, due miliardi e 200 milioni per quella da 2 centesimi e infine un miliardo e 900 milioni per i 5 centesimi. Un valore nominale enorme, circa 165 milioni di euro: rappresentano il 45% delle monete della valuta euro battute per ordine del ministero dell’Economia.

Le mini monete hanno avuto subito un’esistenza difficile. Già il 22 gennaio 2002, pochi giorni prima dell’entrata in circolazione della nuova moneta, Giulio Tremonti (allora ministro dell’Economia del Berlusconi II) annunciò: «Abolire i centesimi? Sarebbe certamente popolare, ci stiamo pensando, ne abbiamo parlato in sede di Unione Europea». L’economista Giacomo Vaciago, proprio in quei giorni, aveva previsto non più di pochi mesi di vita reale ai centesimi dall’anima di acciaio, ma ricoperti di rame. E invece eccoli lì, tutti nelle nostre tasche, ma soprattutto nei nostri cassetti. I primi a farne a meno furono, guarda un po’ la coincidenza, i responsabili della bouvette del Senato che il 1 febbraio 2002 decisero di superare ampiamente l’intuizione di Tremonti e abolire subito la superflua circolazione degli spiccioli europei: il cappuccino di allora scese da 67 a 65 centesimi, il cornetto da 46 a 45, i panini invece salirono da 1.14 a 1.20.

Centesimi di dollaro Usa
C’è chi, in Europa, ne ha fatto immediatamente a meno è si è trovato benissimo. Il primo Paese a cancellare i pezzi da 1 e 2 centesimi fu la Finlandia con un decreto legge che seguì l’introduzione della moneta unitaria: era la conseguenza dell’abolizione di altri centesimi, quelli del Markka, il Marco Finlandese, che era suddiviso in scomodissimi centesimi (un euro valeva 5.9 Markka). Il risultato è che quei pochissimi pezzi da 1 e 2 centesimi battuti in Finlandia ora sono rarità assolute e preziosissime. Anche l’Olanda dal 2004 non conia più centesimi di piccolo taglio e in Belgio la loro circolazione è di fatto un ricordo, seppure senza una decisione formale. In Italia c’è chi si è mosso immediatamente, per esempio il Comune di Barzago, in provincia di Lecco: nel gennaio 2002 abolì l’uso dei centesimi da 1 e da 2 nel costo dei certificati anagrafici e degli ingressi agli impianti sportivi.

Ma i centesimi non sono solo un problema italiano. In Canada il centesimo di dollaro canadese non è usato da anni eppure la zecca continua a batterlo, nonostante in circolazione ve ne siano circa 1 miliardo e 200 milioni di esemplari: per di più realizzare un centesimo costa 1.5 centesimi. La Svizzera ha parzialmente risolto il problema dal 1978 mettendo fuori corso i 2 centesimi di Franco mentre resiste il pezzo da 5 centesimi (che ne costa circa 11): ma in Svizzera il movimento d’opinione ostile alla sua abolizione è ancora molto forte. In più i piccoli centesimi si macchiano, diventano verdastri e emanano odori sgradevoli. C’è chi ha messo a punto un rimedio: acqua e limone, immersione per diversi minuti, poi pulizia e asciugatura con un panno (niente spugnette metalliche). Chi ha tempo e voglia può accomodarsi.
Paolo Conti - 24 agosto 2011

giovedì 25 agosto 2011

Giro della Padania ?

Tratto da: http://www.rifondazionebuccinasco.it/?p=2407

Un obbrobrio il Giro della Padania:
Aperta Al Presidente della Federazione Ciclistica Italiana

Caro Presidente,
sono venuto a conoscenza che nel calendario delle corse ciclistiche su strada per professionisti, quest’anno, dal 6 al 10 settembre, è previsto il giro della Padania. Questa corsa a tappe partirebbe da Paesana, in provincia di Cuneo – la località in cui la Lega Nord celebra da vari anni i suoi riti druidici – per terminare a Montecchio Maggiore in provincia di Vicenza. Le scrivo per segnalarle il mio stupore e il mio disappunto per la volgare strumentalizzazione a cui si presta la Federazione Ciclistica Italiana per fini politici di parte.
Che il partito politico Lega Nord abbia il proposito sovversivo di spezzare lo stato italiano e di dar vita ad un fantomatico stato della Padania è un delirio che ascoltiamo tutti i giorni. Fatto sta che però la Padania non esiste. Esistono il Veneto, la Sicilia, il Piemonte, ma – al di là della propaganda politica – non mi risulta che esista o sia mai esistita una entità geografica che risponda al nome di Padania.
Perché la Fci si presta a una vergognosa operazione di parte e – visto che la Lega Nord è al governo e vanta numerose poltrone di Ministro e Sottosegretario – di regime?
Mi risulta anche che il primo in classifica del giro della Padania indosserebbe la maglia verde. Mi pare che siamo alla pura e semplice riedizione dell’epoca fascista, in cui un regime imponeva la sua ideologia politica a tutti gli italiani.
Le invio quindi questa lettera aperta per chiederle di cancellare immediatamente dal calendario della Federazione il giro della Padania, perché si tratta di una operazione inaccettabile, incompatibile con il quadro Costituzionale in cui tutti, anche la Federazione Ciclistica Italiana, si devono muovere
Distinti saluti,
Paolo Ferrero

Psicologia di un dittatore

Tratto da: http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Nella_mente_del_dittatore/1349146

Psicologie e scienze cognitive - Da Scientific American

Nella mente del dittatore
Un esperto di profiling e psicologia politica analizza i processi mentali di Muammar Gheddafi e di altri autocrati del suo stampo In questi mesi, mentre la ribellione si diffondeva per tutta la Libia, Gheddafi ha fatto una serie di bizzarre dichiarazioni che negavano la realtà della rivolta, dall’insistenza che “il popolo libico mi ama” fino all’affermazione che i ribelli agivano sotto l’influenza di allucinogeni. Il Rais si illudeva sulle condizioni della Libia o era semplicemente incapace di accettare il fatto che il suo regime aveva i giorni contati? Per capire meglio come funziona la mente del leader libico – e di altri dittatori simili – “Scientific American” ha intervistato Jerrold Post, docente di psichiatra, psicologia politica e affari internazionali, e direttore del Political Psychology Program della George Washington University. Pubblichiamo la traduzione di alcuni stralci dell’intervista a Post, realizzata da John Matson.

Che cosa rende un leader come Gheddafi incapace di vedere o di accettare la propria caduta?
Per molti dei dittatori caduti con incredibile velocità nel corso della Primavera Araba, la sollevazione popolare è risultata così sorprendente perché la cerchia di persone di cui si circondano gli impedisce di capire che la loro popolarità è in declino. Non hanno una visione non realistica, e sono convinti, come ha detto e ridetto Gheddafi, che tutto il popolo li ami. Trovo questo linguaggio molto interessante. Gheddafi è un esempio estremo, ma il discorso vale anche per Mubarak, che parlava di cospirazioni estere. Certi di avere un ampio supporto popolare, interpretano le manifestazioni come l’azione di agitatori esterni. Questo vale in modo particolare nel caso di Gheddafi. C’è una sorta di sillogismo: “Tutta la mia gente mi ama, quindi se c’è qualcuno che protesta contro di me, non è veramente della mia gente, e quindi deve essere la conseguenza di provocazioni esterne.” Nei primi tempi della rivolta, ha detto che si trattava di giovani impazziti in preda ad allucinogeni sciolti nel Nescafé, un’idea che trovo piuttosto creativa.

In generale, il linguaggio di Gheddafi mi colpisce molto. La cosa più interessante è che parla sempre in prima persona singolare. “Tutta la mia gente mi ama. E’ dalla mia parte. Il mio popolo mi ama”. È tutto centrato su “me”. Se mi passate il confronto, è un bel contrasto con Churchill durante la Seconda guerra mondiale. Churchill si esprimeva sempre con la prima persona plurale, il suo modo per rafforzare la morale degli inglesi era parlare di “noi”, delle “nostre prove e sofferenze”. Gheddafi invece parla sempre soltanto di sé, identifica se stesso come creatore della Libia; una delle sue prime dichiarazioni è stata “Io ho creato la Libia e io posso distruggerla”.


Gheddafi e gli altri dittatori deposti sono vittima di un delirio quando pensano che nel loro paese vada tutto bene?
Delirio non è la parola giusta, perché se sei circondato da un gruppo di sicofanti che ti dicono quello che vuoi sentire, invece di quello che dovresti sentire, puoi essere in contatto con la realtà secondo i parametri di un test psicologico ma non dal punto di vista politico.

Ma a parte i sicofanti, il narcisismo è una caratteristica comune tra gli autocrati?
Ottima domanda. Sto dando gli ultimi ritocchi a un libro dedicato proprio a questo, che si intitola Dreams of Glory: Narcissism and Politics. Ritengo che il narcisismo sia un elemento particolarmente valido per comprendere molti di questi dittatori, che manifestano molte caratteristiche del narcisismo. Per esempio, in superficie hanno un concetto di sé realmente esaltato, e sono estremamente sensibili alla minima affermazione del contrario, per cui possono davvero inferocirsi se qualcuno li mette in dubbio. In secondo luogo, quando qualcosa manda in frantumi quell’immagine – e sarà interessante vedere cosa accadrà con Gheddafi – può aversi quella che si definisce una rabbia narcisista. Un esempio di questo può essere stata la decisione di Saddam Hussein di incendiare i pozzi petrolifero ritirandosi dal Kuwait.

Le loro relazioni interpersonali sono molto disturbate, si circondano di persone che li fanni sentire bene. Di conseguenza, è davvero pericoloso criticare il leader in qualunque maniera.

In un profilo di Gheddafi che ha scritto a marzo su “ Foreign Policy”, lei ha dichiarato che Gheddafi aveva alcune manifestazioni tipiche di una personalità borderline.

Il disturbo borderline – al confine tra nevrosi e psicosi – si riferisce a individui che possono funzionare in modo perfettamente razionale, ma che, in determinate condizioni di stress, superano il confine, le loro percezioni si distorcono e le loro azioni ne risentono di conseguenza. Le due circostanze in cui Gheddafi sembra superare il confine sono a) quando vince b) quando sta perdendo.

Un esempio del primo caso potrebbe essere quando stava marciando verso Bengasi senza incontrare forte resistenza. In queste situazioni può davvero autoesaltarsi e sentirsi invulnerabile. Un esempio di esaltazione bellica è stata la promessa che avrebbe braccato i suoi nemici stanza per stanza. D’altro canto, quando soffre, è sotto pressione, e in particolare quando non è visto come il leader potente ed esaltato, emerge un altro aspetto della sua psicologia, ed ecco il nobile guerriero arabo che combatte contro forze a lui superiori. Un esempio in questo senso si ebbe negli anni 70’, quando dichiarò che la sovranità libica si estendeva fino a 200 miglia dalle coste, mentre le acque internazionali iniziano a 12 miglia, minacciando di attacco chiunque avesse attraversato quella “linea della morte”. Gli Stati Uniti, che stavano facendo manovre nel Golfo di Sidra, superarono la zona delle 200 miglia, Gheddafi lanciò tre ondate di attacchi aerei, e i suoi jet furono immediatamente abbattuti. Ma dopo, e questo è interessante, disse che ringraziava gli Stati Uniti “per aver fatto di me un eroe per il Terzo Mondo”. Affrontare con coraggio un avversario più forte ha un grande valore nel mondo arabo.

Come pensa che giocherà tutto questo nel futuro della Libia?
È abbastanza evidente che ora il controllo è nelle mani dei ribelli, ma la situazione non si chiarirà veramente finché Gheddafi non viene ucciso o costretto ad arrenderli. Si è parlato di un esilio in Tunisia, che non va escluso del tutto, ma se dovesse scegliere questa opzione non sarà con l’idea di abbandonare, ma di rifugiarsi temporaneamente per poi continuare come leader della Libia. Penso quindi ci siano tutte le ragioni per pensare che stiamo assistendo all’ultimo atto, che tuttavia potrebbe prolungarsi finché non sarà catturato.

Ritengo sia importante sottolineare che il pubblico che conta di più per lui è lo specchio. Quando fa certe affermazioni, ci crede davvero. Può suonare folle, ma è una specie di “Specchio specchio delle mie brame, chi è il leader arabo musulmano del terzo mondo più potente di tutti?”. E la risposta è: “Tu, Muammar." Gli sarà realmente molto difficile vedere la gente che celebra la sua caduta e cercare di mantenere la sua immagine eroica interiore.
(24 agosto 2011)

"Bamboccioni" e sesso ?

Tratto da: http://27esimaora.corriere.it/articolo/meno-aborti-e-gravidanze-precoci-perche-le-adolescenti-italiane-sono-piu-virtuose/

Meno aborti e gravidanze precoci - La virtù delle adolescenti italiane
di Adriana Bazzi

Il più giovane nonno inglese? Si chiama Shem Davies, è disoccupato e ha soltanto ventinove anni: sua figlia Tia è rimasta incinta a 14 e ha partorito la piccola Gracie pochi giorni fa.

La piaga delle gravidanze nelle teenager non colpisce soltanto la Gran Bretagna, ma un po’ tutto il Nord Europa e anche Francia e Germania, per non parlare dei Paesi dell’Est.

Le adolescenti italiane sembrano, invece, più “virtuose” delle coetanee europee, anche perché, a differenza che in altri paesi, gli aborti sono in calo.

Certo, si contano ogni anno almeno 2500 gravidanze nelle under – 18, secondo Save The Children , ma siamo al penultimo posto, prima della Svizzera, nella classifica delle nascite da mamme giovanissime (secondo una ricerca di qualche anno fa, ma unica del genere).

Non sarà perché da noi la contraccezione funziona meglio che altrove? O addirittura perché i giovani di casa nostra non fanno poi così tanto sesso?

Improbabile il primo caso.

Stando alle indagini, i giovani non sempre sono ben informati sui metodi contraccettivi e utilizzano spesso il preservativo e il coito interrotto, mentre usano poco la pillola.

Il secondo va tenuto presente. I ragazzi d’oggi arrivano al primo rapporto completo attorno ai 17 anni, addirittura in ritardo rispetto ai loro genitori, almeno secondo un questionario diffuso da un sito online, ma i dati “d’inizio” non sono sempre omogenei (c’è da dire che, in questo settore, sondaggi, analisi, inchieste, statistiche e opinioni di esperti si sprecano e non sempre riflettono la realtà).

Come spiegare allora l’anomalia italiana?

Forse vale la pena di ragionare al contrario. E cioè chiedersi: quali sono i fattori di rischio di gravidanze in giovanissima età che negli Usa, al top della classifica, coinvolgono più di cinquanta ragazze di età inferiore ai diciannove anni ogni mille, mentre in Italia solo il sette per mille circa?

Qui gli studi seri sono concordi nel ritenere che entrino in gioco soprattutto fattori socio-economici e culturali: quanto più si è poveri e meno si è istruiti, tanto più si rischiano gravidanze minorili. Che sono anche “contagiose”: secondo una ricerca condotta in Norvegia , chi ha una sorella, che ha partorito giovanissima, ha una probabilità doppia, rispetto alle altre, di rimanere incinta precocemente.

Al di là del “contagio”, lo studio è interessante proprio perché punta il dito sull’ambiente familiare e sociale. Chi vive in un contesto di scarsa educazione e non ha di fronte un progetto di studio e di vita, non avrà la percezione di quanto una gravidanza possa ostacolarlo.

E infatti chi studia, in genere, comincia più tardi l’attività sessuale ed è più consapevole dei rischi legati al sesso.
Il vivere in condizioni di povertà espone più facilmente ad abusi, anche sessuali, all’uso di alcol e droghe che favoriscono precocità e promiscuità sessuale.

E spesso in queste realtà, i legami familiari sono labili o, più spesso, inesistenti.

Non a caso, dicono gli esperti, dove c’è una buona comunicazione fra genitori e figli, non solo l’iniziazione sessuale è posticipata, ma anche il tasso di gravidanze giovanili è ridotto.
Ecco, probabilmente in Italia (almeno per il momento) sono meno diffuse certe situazioni di povertà, soprattutto culturale, che esistono in altri Paesi. Da qui in avanti, bisognerà, però, considerare il popolo degli immigrati che, tanto per fare un esempio, offrono un contributo crescente alle interruzioni volontarie di gravidanza in Italia, secondo l’ultimo rapporto sulla legge 194.

Non solo: si ha l’impressione che da noi il ruolo delle famiglie (nonostante divorzi e separazioni che allineano il nostro Paese con tutti gli altri Paesi industrializzati) sia ancora molto importante (di nuovo: almeno per il momento) e giochi un ruolo in questo contesto.

I “bamboccioni” italiani, alla fine, potrebbero rivelare un loro lato positivo: una maggiore capacità di comunicazione con le famiglie, una maggiore responsabilità di fronte alle scelte che riguardano il sesso..

O no?

Dobbiamo, forse, pensare che la giustificazione del fenomeno- gravidanza nelle teenager stia nella contraccezione di emergenza (cui avrebbe fatto ricorso, secondo certe indagini una teenager su quattro in Italia) o addirittura nel declino della fertilità, registrato nei Paesi industrializzati, che riduce le capacità procreative a partire dalla giovanissima età?

mercoledì 24 agosto 2011

A proposito del contributo di solidarietà ...

... copio qui un commento postato sul sito del PD di Buccinasco link


Caro David
vorrei ricordarti che chi guadagna oltre 90'000 euro non pagherà SOLO il contributo di solidarietà, ma che questa tassa si aggiunge alla normale aliquota IRPEF per quello scaglione di reddito.

Altri commenti su questo argomento, oltre a quelli da te citati e pubblicati dal Corriere, criticano soprattutto la RETROATTIVITÀ della legge.
Questo aspetto pone il contributo di solidarietà, come l'inserimento di addizionali IRPEF decise nel corso dell'anno (come quella recentemente introdotta dal Comune di Buccinasco), a rischio incostituzionalità.
Forse la Corte Costituzionale non arriverà ad annullare queste tasse in nome dello "Statuto dei Contribuenti", ma ciononostante le due addizionali rompono il patto tra cittadino lavoratore onesto (che quindi dichiara tutto il proprio reddito e si aspetta di essere correttamente tassato) e fisco.
Unitamente alla eliminazione di alcune detrazioni e deduzioni fiscali (che il Governo si appresta a togliere, ma di cui non sono noti i dettagli), di fatto il cittadino - contribuente viene posto in condizione di non sapere quante tasse pagherà sui propri redditi.
Non solo per i redditi futuri, del 2012, ma anche per quelli ottenuti nei primi 8 mesi del 2011.

Secondo me il PD dovrebbe comprendere questo, e non giudicare le famiglie che guadagnano più di 90'000 euro come automaticamente costituite da banditi ed evasori.
Sono altri gli evasori, non i lavoratori dipendenti che denunciano tutti i propri redditi, e su questi pagano le tasse.

Per non tediare i lettori mi riservo invece di tornare sul merito della riforma delle pensioni, e sugli ingiusti privilegi di coloro che godono di pensioni calcolate in base al criterio retributivo anziché su quello contributivo, soprattutto se uniti a pensionamenti baby (sotto ai 65 anni) con speranza di vita come quella attuale.

Attendo di leggere altre tue riflessioni, sperando di trovare un PD meno populista.

Ciao
Franco

Se si sbaglia carburante...

Tratto da: http://it.cars.yahoo.com/18082011/305/benzina-diesel-errori-distributore.html

Benzina o Diesel? Errori al distributore
E' probabilmente una delle paure più grandi di ogni automobilista: sbagliare il carburante della propria vettura. Causa anche di molteplici litigi tra moglie e marito, questo problema ha però subìto un calo negli ultimi anni, grazie anche alle diversa dimensione delle "pistole" degli erogatori di benzina e Diesel.
Ad ogni modo l'errore o la distrazione è sempre dietro l'angolo ed anche se nella maggioranza dei casi ci si rende immediatamente conto dell'errore, interrompendo l'erogazione del carburante sbagliato minimizzando i danni, vediamo comunque alcuni consigli pratici su come comportarsi in caso di "svista".

Diesel nel motore benzina
E' il caso meno grave, ma da non sottovalutare. Infatti, con la composizione del gasolio più oleosa rispetto alla benzina, si avrà una combustione diversa e meno efficace nel motore che in alcuni può addirittura comprometterne l'accensione. Come comportarsi? Nell'eventualità che la quantità di carburante Diesel sia minima, è sufficiente effettuare subito un "pieno" di benzina, per poi ripetere l'operazione prima di arrivare a metà serbatoio. Nel caso si sia invece riempito completamente il serbatoio, allora l'unica scelta a nostra disposizione è farlo svuotare e pulire e solo allora fare il "pieno" corretto. E' probabile che il motore "scoppietti" e faccia un po' di fumo, ma alla fine si potrà ripartire tranquillamente.

Benzina nel motore Diesel
Il caso più sfortunato, in quanto immettere benzina in un motore a gasolio può causare danni ben più gravi, persino irreversibili. Questo a causa della composizione non oleosa della benzina che ferma il procedimento di lubrificazione danneggiando le parti metalliche, il sistema d'iniezione e la pompa. In casi come questo di alternative ne abbiamo poche: nella fortunata ipotesi non si abbia già "rotto" il motore (bastano già pochi chilometri, quindi è indispensabile farsi trainare in un'officina!), bisognerà ovviamente aspirare la benzina dal serbatoio, ma anche ricontrollare tutte le parti interessate: sistema d'iniezione, guarnizioni, filtri etc. A tal riguardo è molto probabile che si debba anche sostituire il FAP (filtro anti-particolato), dato che bruciando benzina avrà operato a temperature molto al di sopra dei propri valori massimi.

I danni in cifre
Nel primo caso (Diesel nel motore benzina) bisognerà calcolare, per lo svuotamento del serbatoio, almeno un centinaio di Euro, più ovviamente il pieno successivo e la quantità di Diesel erroneamente acquistata. Nel caso peggiore (benzina nel motore Diesel), oltre a questa cifra, si rischierà di dover aggiungere almeno uno zero, nel caso di sostituzione di parti meccaniche come la pompa d'iniezione, i filtri ecc.
Emiliano Caretti

martedì 23 agosto 2011

Diritti acquisiti ?

Immaginate di incontrare un amico per strada, e che vi proponga questo giochino: vi darà 100 euro, e poi voi dovrete ritornarne 300 in base ai suoi "diritti acquisiti".
Credo che non stareste al gioco !

Ed invece questo è quanto accade normalmente in Italia col nostro attuale sistema pensionistico.
Ci sono molti pensionati attuali che in base a "diritti acquisiti" hanno ottenuto che le loro pensioni siano calcolate in base al metodo retributivo anziché in base a quello contributivo.
La loro pensione non è quindi basata su quanto hanno risparmiato per la propria pensione (i contributi versati), all'età in cui hanno smesso di lavorare ed alla speranza di vita (ciò per quanto tempo prenderanno la pensione), ma "semplicemente" calcolata in base all'importo dei loro ultimi stipendi.
Il fatto di essere andati in pensione ben più giovani del limite di età di 67-68 anni che riguarderà gli attuali occupati, o il fatto di lucrare rendimenti inauditi per le loro pensioni non li turba affatto.
Sono "diritti acquisiti", che volete farci !

Fonte dei dati: http://archiviostorico.corriere.it/2011/agosto/21/Quei_500_Mila_Baby_Pensionati_co_8_110821034.shtml
... I baby pensionati ricevono in media una pensione lorda di circa 1.500 euro al mese. Importi generosi considerando che mediamente vengono pagati per più di 30 anni e che hanno alle spalle pochi contributi. Tanto che di solito un pensionato baby incassa minimo tre volte quanto ha versato....

Adeguamento (= Aumento) tariffe ATM Milano

Adeguamento tariffario urbano Dal 1 settembre nuove tariffe urbane per il trasporto pubblico

Esempi:
Singolo 1,50 €, 90 minuti dalla convalida
Carnet 10 viaggi 13,80 €, ogni viaggio 90 minuti dalla convalida

Consulta le tariffe dei biglietti Urbani, Cumulativi, del Radiobus, degli abbonamenti Urbani e degli abbonamenti Cumulativi. LINK http://www.atm-mi.it/it/AtmNews/AtmInforma/Pagine/Nuovetariffe.aspx

Nessuna variazione per abbonamenti mensili e annuali.
I biglietti acquistati prima dell'adeguamento tariffario possono essere utilizzati fino al 30 settembre; dal 1 ottobre sarà possibile richiederne la sostituzione presso tutti gli ATM Point con integrazione dell'importo.

lunedì 22 agosto 2011

Siate pronti

Ricordo il motto scout "Always Ready" oppure "Be Prepared"
In italiano "Siate pronti", in latino "Estote Parati".
(ripreso da Robert Baden-Powell, ma presente anche nei Vangeli...)

Valido anche e soprattutto nella vita di tutti i giorni !

Esempio: sapete dove sono gli estintori e le uscite di sicurezza del luogo dove siete ora ?
Avete con voi in auto una lampada (con pile cariche) e sapete sostituire o riparare una ruota forata?
Cosa succede a casa vostra quando va via la corrente ?
Da quanto tempo non fate controllare l'impianto elettrico della vostra casa / l'antenna che dondola troppo / la mensola non bene fissata / la chiusura a prova di bambino dell'armadio nei quali tenete medicinali e detersivi ?

Ma anche: da quanto tempo non dedicate del tempo alla vostra formazione ? Perché questo Settembre non prendete l'impegno di imparare una cosa nuova (lingue / fotografia / un hobby / uno sport ...) prima della prossima estate ?

Da quanto tempo dovete chiamare quell'amico o quel parente ? Perché non farlo ora (spegnendo il PC per qualche minuto) ?

Che succede sul lavoro ? Sei pronto ai cambiamenti che arriveranno ?

E su un piano politico; ricordate chi avete votato alle ultime elezioni politiche ed amministrative e perché ? Se non sarete voi a chiedere conto dell'operato agli eletti grazie al vostro voto, chi dovrebbe farlo ? O l'anno prossimo voterete come se fosse la prima volta che lo fate ?

domenica 21 agosto 2011

Ma Lui è diverso ?

Qualche volta può essere bello leggere il blog di Beppe Grillo, e perdersi nel nulla tentando di seguire il filo dei suoi "ragionamenti".
Semplificando, lui ha sempre ragione, gli altri torto, senza alcuna differenza tra chi è al governo e chi è all'opposizione, tra chi proponga "A" e chi invece "non A": ci sarebbero ricette molto semplici semplici da seguire (le sue) e chi non lo fa sbaglia.
Che mondo semplice ! Come è possibile che non lo abbiamo ancora nominato "imperatore del mondo" ? O che alcuni italiani sciagurati abbiano impedito alle sue liste di arrivare al 99,9% dei suffragi alle ultime elezioni ?
Come esempio cito il suo editoriale di oggi:

link: http://www.beppegrillo.it/2011/08/qualcosa_e_cambiato/

Qualcosa è cambiato
Quelle facce. Non le sopporto più. Non le posso più vedere. Mi danno la nausea, il vomito, il rigetto. Che l'Italia sia fallita lo posso accettare. Ma questi dilettanti con i loro sorrisi da maiali e da furetti non riesco più a sopportarli. Pagherei qualunque tassa, farei qualunque sacrificio per evitare quei ghigni da stronzo che compaiono ogni sera in televisione, ogni mattina in 10 pagine di giornale. Di buoni a nulla che si atteggiano a statisti.
Qualcosa si è rotto dentro di me, forse dentro tanti di voi. Qualcosa è cambiato. Il Paese ha capito di essere guidato da incapaci e da disonesti, forse lo sapeva già, ma pensava a un cambio della guardia dolce, come avviene in molti fallimenti. I responsabili si defilano, raggiungono la porta, non si fanno più vedere. E lo capisci, li lasci andare. Domani è un altro giorno e si può pensare a ricostruire. Invece questi traditori dell'economia nazionale che hanno indebitato il Paese e negato la catastrofe con una improntitudine degna del massimo disprezzo, questi gaglioffi non si schiodano, non mollano neppure un centimetro del loro potere. Io non sono violento, ma cerco di prevedere gli eventi. La Storia non solo non si ferma, ma si ripete. Quando incontra un muro sul suo percorso lo butta giù. E' avvenuto con il muro di Berlino, ma anche con la testa di Luigi XVI e con la famiglia dello Zar. Eventi che, a posteriori, erano del tutto spiegabili. Craxi è scappato. Allora i ladri si potevano condannare e indurre alla fuga. Oggi i parlamentari condannati, anche quando i tribunali ne chiedono l'arresto, come è avvenuto per Cosentino e per Tedesco, continuano a sedere alla Camera e a incassare 20.000 euro al mese tra stipendio e benefit. Ma queste sarebbero quisquilie, bazzecole se non continuassero a imporci la loro presenza.
Devono togliersi dalla vista dei cittadini, definitivamente. Vadano dove vogliono, ad Antigua, ad Hammamet, a Vancouver. Guardo Enrico Letta, con quel sorriso da spretato, Calderoli con la faccia da chi ha vinto un salame alla lotteria di paese e Bossi, Maroni, Bersani, Veltroni, D'Alema, Brunetta con i loro volti da pluri ripetenti al Cepu. Mi fanno tirare su anche l'anima. Se ne devono andare. Non c'è bisogno del giudizio dell'Economist o di Nouriel Roubini per capire che la classe politica è il primo problema del Paese. Ha fatto il suo tempo e puzza di muffa, di rancido. Sono i coproliti della seconda Repubblica. Li vedete e vi mettete un dito in bocca per liberare lo stomaco. E' ormai una questione che trascende la politica e l'economia. E anche l'etica e la morale. E' una questione di puzza. Una puzza nauseabonda che non è possibile sopportare oltre. E anche di estetica, certe facce ripugnano. L'Italia può crollare, è successo altre volte ed è sempre ripartita, ma questa classe politica se ne deve andare senza voltarsi indietro e senza eccezioni.

venerdì 19 agosto 2011

Bicigrill (e non solo) da copiare

Tratto da: http://www.repubblica.it/cronaca/2011/08/17/news/bicigrill-20522557/

TENDENZE - Pedalare slow, l'invenzione del Trentino - nel paradiso dei ciclisti c'è il bicigrill
Cinque punti di sosta per gli amanti delle due ruote: una pausa in un luogo dove si può prendere un panino, chiedere aiuto al meccanico o dissetarsi: qui l'acqua è gratis. Tutto quello che serve per dimenticare che esiste un mondo di automobili e camion
dal nostro inviato MAURIZIO CROSETTI


LEVICO TERME - La pedalata rallenta e la catena emette come un debole sussurro, un fruscio che assomiglia a un bel venticello di montagna. Se fossimo in autostrada metteremmo la freccia, e ci fermeremmo all'autogrill: ma siccome siamo in Valsugana, cioè in Trentino, cioè nel paradiso del ciclista, niente freccia anche se il nome del traguardo è simile: bicigrill.

In Trentino ne esistono cinque, e non hanno nulla a che vedere con le devianze commerciali dei loro cugini d'autostrada. Nel bicigrill, al massimo, si consuma un gelato, oppure un panino o un buon caffè. Invece del pieno di diesel, si va al gabbiotto del meccanico per una controllatina alle camere d'aria, o per una goccia d'olio nel cambio. "Acqua gratis", c'è scritto su un cartello intagliato nel legno: vuol dire che il pieno alla borraccia non costerà nulla.

Si chiamano vacanze cicloturistiche e hanno un'anima lenta e riflessiva, pacata e contemplativa. Sulle "ciclopiste", prima o dopo il bicigrill, non si va per correre, per vincere, per sfiancarsi. Questo non è il teatro dei ciclofanatici disposti persino a doparsi, pur di vincere un salame o una formaggetta al traguardo volante. Qui pedalano le famiglie, i bambini, gli anziani, le donne, tutti col caschetto bene allacciato e gli occhi ben spalancati, per ammirare la bellezza che li circonda.

Noi lo abbiamo fatto a tappe, con tutta la calma del mondo, papà cronista e figlia pedalatrice lungo gli 80 chilometri della ciclabile della Valsugana,
da Levico Terme fino a Bassano del Grappa, tre quarti di Trentino e un quarto di Veneto, ritorno col treno e bici al seguito. Il bicigrill è stata solo la prima di tante scoperte. Quello di Levico è l'ultimo nato. L'idea è rifocillare, dare assistenza tecnica ma anche informazioni al turista: cartine, mappe, consigli.

Tutto quello che serve per dimenticare che esiste un mondo di automobili e camion. Per 80 chilometri, salvo brevi tratti veneti, non si vedrà l'ombra di un motore a scoppio, ma solo natura, frutta, alberi, ruscelli, sole (se si è fortunati) e vento. Chi ha progettato questo Nirvana, l'ha pure sistemato in lieve e costante discesa: sì, perché verso Bassano è quasi come scivolare, a meno che non si vogliano cercare rampe masochiste. E il vero ciclista lo fa spesso, lui non può non soffrire, non è nella sua natura: però vuoi mettere, dopo, la soddisfazione di essere arrivati lassù.

Sulla ciclopista della Valsugana passano oltre 250 mila ciclisti all'anno, collegati in rete con le altre dieci piste ciclabili del Trentino. Una regione che ha capito in anticipo l'importanza di questo turismo ecologico ed economico, perché pedalare costa poco (a meno che non si sia fissati con le superbici, in fondo anche quello è doping). Il bello, poi, è scartare di lato, tra curiosità e deviazioni: come quella che porta nel borgo di Marter, frazione di Roncegno Terme, più o meno a metà strada verso Bassano, dove nel vecchio Mulino Angeli hanno inventato il museo degli spaventapasseri.

È il frutto del lavoro del grande fotografo Flavio Faganello che girò le valli alla ricerca di questi curiosi personaggi, figure simboliche e non solo oggetti campagnoli. Oppure si può cenare dentro il castello medievale di Pergine, o magari salire in Valle di Sella (ma qui bisogna essere veri scalatori!), per raggiungere il parco di Arte Sella con le sue sculture vegetali, luogo unico, di enorme suggestione. Anche se, poi, la gioia più grande è proprio quella di pedalare, non di arrivare. Sulle ciclopiste si rallenta sempre, per guardare meglio e farle durare di più.
(17 agosto 2011)

giovedì 18 agosto 2011

Tassazione retroattiva

Segnalo un articolo tratto dal Sole24ore: http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2011-08-17/supertassa-retroattiva-schiaffo-222223.shtml?uuid=AaDSc4wD

Supertassa retroattiva, uno schiaffo
di Guido Gentili - Questo articolo è stato pubblicato il 18 agosto 2011 alle ore 08:19.

Si parla tanto di costituzionalizzare il principio del pareggio di bilancio con la riscrittura dell'articolo 81 della Carta. E si ri-parla (il primo annuncio è del giugno 2010, ma tutto era poi rimasto nei cassetti) di riformare l'articolo 41 sull'iniziativa economica. Ma se si procedesse anche alla riformulazione - in modo da garantire meglio i cittadini contribuenti- dell'articolo 53 della Costituzione, quello che stabilisce l'obbligo generale di concorrere alla spesa pubblica in ragione della capacità contributiva?


Il perché è presto detto. Il 'contributo di solidarietà' di Ferragosto che colpisce - senza distinguo per carichi familiari- chi dichiara un reddito complessivo a partire dai 90 mila euro l'anno è di fatto retroattivo. Si applica infatti per tre anni (due aveva detto il premier Silvio Berlusconi il quale ha poi precisato che il consiglio dei ministri aveva votato per due e che lui era stato ingannato!) già con riferimento al 2011. In deroga esplicita all'articolo 3 della legge 212 del 2000 (votata allora in perfetto assetto bipartisan), più nota come lo 'Statuto del contribuente', con la quale si stabilisce che le disposizioni tributarie non debbano avere effetto retroattivo.


Che lo 'Statuto del contribuente' nato, trent'anni dopo quello dei lavoratori, per regolare i rapporti tra cittadini e la pubblica amministrazione secondo principi di buona fede e leale collaborazione, sia stata una conquista nessuno lo nega, come avvalorato spesso dalla più autorevole giurisprudenza. Ma è anche un fatto che le sue violazioni (il Sole 24 Ore ne ha contate circa 400 in dieci anni) hanno travolto ogni barriera normativa.


Bastavano, e bastano, due parole -'in deroga'- ed il gioco è fatto. Con tanti saluti al principio sacrosanto della irretroattività fissato dallo Statuto del contribuente, pur sempre una legge ordinaria che altrettanto ordinariamente è stata aggirata dal Parlamento, dai governi di ogni colore e dalla stessa amministrazione.


Memorabile la definizione data da un alto dirigente dell'Agenzia delle Entrate: più che un insieme di «norme cogenti» lo Statuto è un «humus culturale entro cui agire con più o meno sensibilità a seconda dei casi».
Anche la super-Irpef di Ferragosto da 3,8 miliardi che preme soprattutto su una platea ristretta di lavoratori dipendenti che le tasse le pagano già tutte, è naturalmente 'in deroga' ed è dettata, sta scritto nel decreto del

Governo, dalla «eccezionalità» della situazione economica internazionale e tenuto conto degli obiettivi concordati in sede europea.


Sì, ma si può mettere nel piatto tutto il 2011 considerando anche il fatto che ancora il 13 aprile scorso il ministro Giulio Tremonti assicurava che l'Italia non aveva di fronte «emergenze o urgenze», che soffermarsi su un 2011 pesante era frutto di una «visione pessimistica» e che erano escluse «lacrime e sangue»? Quanti conti familiari rischiano ora di andare in rosso o in tilt anche a motivo di una manovra che - annunciata a metà agosto - 'reclama' non solo per il presente ed il futuro (come è possibile) ma anche per il passato (come non dovrebbe essere possibile)? Non a caso il decreto attuativo del Tesoro dovrà entro il 30 settembre fornire tutti i chiarimenti necessari.


Il Parlamento tutto, il Governo e la maggioranza hanno di che riflettere. Per l'oggi e per il domani, se davvero si vuole riportare sui binari della correttezza il rapporto tra i cittadini-contribuenti e lo Stato. E la riformulazione dell'articolo 53 della Costituzione, stabilendo il principio delle irretroattività (sul modello della sfera penale), servirebbe in prospettiva a rendere meno ordinarie e molto più forti (col rango costituzionale) le norme già previste dallo Statuto del contribuente.


Del resto (oltre al progetto in questa direzione già presentato dal presidente dei commercialisti Claudio Siciliotti) basta scorrere gli atti parlamentari. Al Senato, ad esempio, c'è una proposta dell'Idv che aggiunge un solo comma all'articolo 53: «La legge tributaria non dispone che per l'avvenire: essa non ha effetto retroattivo». Alla Camera, primo firmatario il presidente della Commissione Finanze Gianfranco Conte, un progetto del Pdl stabilisce anch'esso il divieto della retroattività come garanzia necessaria per la certezza dei diritti e dei doveri fiscali. Nei rapporti tra i cittadini e il fisco, vi è scritto tra l'altro, «la possibilità di prevedere quanto dell'entrata annua di una famiglia, di un'attività o di un'impresa dovrà essere destinanto all'adempimento dell'obbligo tributario, consente di programmare ordinatamente le spese, senza soggiacere a mutamenti imprevisti che possono pregiudicare l'adempimento degli adempimenti assunti o il conseguimento dei risultati attesi».


La proposta è del 2008, all'inizio della corrente legislatura, e in tre anni ha fatto un solo passo, quello dell'assegnazione alla Commissione Affari costituzionali. Sono citati il grande statista Francesco Saverio Nitti («in materia tributaria niente più nuoce della instabilità»), le 'Prediche inutili' di Luigi Einaudi ed il colosso del pensiero economico Adam Smith che nel 1776 spiegava le quattro regole fondamentali della tassazione: giustizia, certezza, comodità, economicità. Nell'estate 2011, in Italia, poco ci manca che debbano ancora essere scoperte.




Referendum buoni e referendum cattivi ?

A proposito delle raccolte di firme per referendum sulla legge elettorale, segnalo che sono in corso due diverse campagne, con scopi molto differenti: c'è che vorrebbe che l'elettore tornasse a contare nella scelta degli eletti, e chi invece preferirebbe che a decidere siano sempre e solo i gerarchi dei partiti.
I referendum non sono tutti uguali !

Sull'argomento segnalo un articolo dell'anonimo Spider Truman pubblicato nel blog http://isegretidellacasta.blogspot.com/.
Come al solito, mente ben aperta per non cadere in tranelli, soprattutto se l'autore, come in questo caso, è un anonimo di cui non sono chiari gli scopi. Ma anche attenzione a comprendere da che parte vorrebbero guidarci !
Il sostegno di Veltroni ad alcuni dei quesiti può già essere una valida bussola per andare dall'altra parte !?

Link: http://isegretidellacasta.blogspot.com/2011/08/di-pietro-vendola-veltroni-lanciano-un.html

La televisione uccide

Ormai è ufficiale.
La televisione riduce la vita delle persone, non solo quando la si tiene accesa e si assiste a qualche trasmissione, ma anche a lungo termine.

Quindi, spegniamola !

Link 1: http://www.chedonna.it/che-forma/2011/08/17/salute-troppa-televisione-fa-male/
Link 2: http://salute.agi.it/primapagina/notizie/201108171224-hpg-rsa1014-guardare_troppa_tv_accorcerebbe_la_vita
Link 3: http://www.corriere.it/salute/11_agosto_16/meno-tv-piu-sport_3d352524-c803-11e0-9dd1-bf930586114f.shtml



mercoledì 17 agosto 2011

25 Aprile. 1° Maggio e 2 Giugno in pericolo.

Tratto da: http://www.repubblica.it/politica/2011/08/17/news/25_aprile-20522555/

L'ANALISI - Ma il 25 aprile non si può spostare
di ALESSANDRO PACE

ERA PROPRIO necessario che tra le misure anti-crisi venisse previsto di spostare alla domenica successiva la celebrazione della sconfitta del fascismo, della nascita della Repubblica e di quel lavoro che la Costituzione pone a fondamento dell'Italia?

Mi chiedo ancora: Barack Obama o qualsiasi altro leader americano penserebbe mai, come misura anti-crisi, di poter spostare alla domenica successiva la celebrazione del "giorno dell'Indipendenza" (4 luglio) o "del giorno del Ringraziamento" (ultimo giovedì del mese di novembre)?

Non mi chiedo, invece, cosa succederebbe in Francia dinanzi alla solo ventilata idea di spostare la celebrazione della presa della Bastiglia al 16 o al 17 luglio. È infatti scontato che ciò determinerebbe una intransigente opposizione da destra come da sinistra, perché il 14 luglio è il "14 luglio": una data e, insieme, un simbolo che sta alla Francia come il 25 aprile sta all'Italia. Identifica la precondizione storica della nascita, tra sangue e sofferenze, della Repubblica francese, così come senza il 25 aprile 1945, simbolo del riscatto italiano, non ci sarebbe mai stato il 2 giugno 1946.

Ebbene, gli americani e i francesi - per limitarmi ai soli esempi fatti - non acconsentirebbero mai allo spostamento di queste ricorrenze alla domenica successiva, perché hanno la consapevolezza di un fatto - ben noto, a livello teorico, a costituzionalisti e politologi -, e cioè che la celebrazione degli avvenimenti che hanno segnato la nascita e la
storia del loro Paese (come anche la bandiera, l'inno nazionale ecc.) costituisce un permanente "fattore d'integrazione" dell'ordinamento statale, la cui sostanziale unità, pur nella diversità delle idee, è nell'interesse generale preservare. Ciò è tanto vero che il dare alle fiamme la bandiera nazionale fu riconosciuto legittima manifestazione del pensiero dalla Corte Suprema, in quanto metteva in discussione una data politica (la guerra in Vietnam), e non i valori della Costituzione federale.

È quindi ovvio che, per i cittadini italiani che hanno cara l'unità del nostro Paese, sia motivo di sofferenza (oltre che di dolore, nel ricordo di quanti hanno sacrificato la vita per quell'Unità) assistere al dileggio di quei simboli, impunemente manifestato (addirittura!) da rappresentanti del popolo con parole e gesti osceni. Ed è quindi altrettanto ovvio che anche la sola "mancanza di considerazione" di quelle date simboliche da parte dei nostri governanti, possa costituire, per i cittadini italiani orgogliosi di essere tali, motivo di indignata preoccupazione, soprattutto se si pone mente al fatto che quanti dileggiano quei simboli, prima di assumere gli incarichi di governo, hanno prestato giuramento sulla Costituzione (che quei valori presuppone e incorpora) dinanzi al Presidente della Repubblica, in quanto "rappresentante dell'unità nazionale" (art. 87 comma 1 Cost.).

Potrebbe bensì obiettarsi che, nell'era della globalizzazione, lo Stato-nazione è un po' dappertutto in crisi, e con esso tutti quei simboli. Ma è in crisi - deve osservarsi - perché soggetto a ripensamento è il concetto di nazione a fronte delle pressioni multietniche, non è in crisi il concetto di Stato, il quale resta essenziale anche in un'ottica sopranazionale ed europea.

Fermo restando quanto fin qui osservato, è quindi solo per completezza che, in critica alla misura anti-crisi sopra ricordata, può aggiungersi che, anche dal punto di vista strettamente economico, il gioco non vale la candela, perché, come è stato subito osservato dalla Federalberghi, all'aumento della produttività conseguente allo spostamento delle feste, corrisponderà una analoga contrazione dei consumi.

Data la sostanziale inutilità, anche pratica, della misura, sorge allora il dubbio se, per individuarne la ragione giustificativa, non si debba fare il processo alle intenzioni dei nostri governanti. In questa ottica andrebbe perciò ricordato che taluni di loro hanno criticato la celebrazione della Resistenza, hanno prospettato la soppressione della festa del lavoro, hanno dileggiato la bandiera e l'inno della Repubblica e si sono opposti alla celebrazione del Centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia.

Per cui, alla luce di questi dati, ci si potrebbe chiedere se l'inserimento, tra le misure anti-crisi, della possibilità di spostare alla domenica successiva le tre feste civili non abbia costituito l'occasione - colta al volo da quei governanti che così si erano espressi - per sminuire l'importanza simbolica di fatti storici che ai loro occhi non rappresentano dei "valori", in contrasto con la stragrande maggioranza dei cittadini italiani.
(17 agosto 2011)

Interessante !

ABUSI EDILIZI MESE DI LUGLIO
Pubblicazione nr.: 2011/001074
Atto: Varie del
Data affissione: 05/08/2011 - Data scadenza: 20/08/2011 - (0) giorni
Ente: COMUNE DI BUCCINASCO - VIA ROMA,2
Documenti: LINK http://www.comune.buccinasco.mi.it/openweb/web/albo/albo_dettagli.php?id=1128

SISTRI

DAl sito del Comune di Buccinasco:
AFFIDAMENTO GESTIONE SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA' DEI RIFIUTI (SISTRI) IN USCITA DALLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE ALLA COOPERATIVA SPAZIO APERTO DAL 01/09/2011 AL 30/06/2012. CIG 30942174A4


Dai media:
SISTRI abrogato dal Decreto-Legge 238/2011 !
- il Parlamento annulli l'abrogazione, che è un regalo alle ecomafie
- produce effetti distorti anche su altre normative

Non solo Penati

Tratto da: http://www.rifondazionebuccinasco.it/?p=2380

QUESTIONE MORALE – NON SOLO PENATI. PERCHÉ NESSUNO TOCCA FORMIGONI?
Articolo di Luciano Muhlbauer, pubblicato su il Manifesto del 31 luglio 2011

Chissà se ha ragione Bersani quando grida alla macchina del fango. A noi, francamente, sembra un po’ poco, anche perché il coinvolgimento di Filippo Penati, comunque vada a finire la vicenda giudiziaria, tira in ballo un intero ciclo politico dei Ds e del Pd del Nord e, pertanto, di tutto il centrosinistra.
Già, perché Penati ha incarnato più di altri quel pensiero politico e culturale che individuava nell’assomigliare il più possibile all’avversario la chiave per recuperare consensi e battere le destre. Per questo bisognava disconoscere il passato ed iniziare a parlare come i leghisti, con l’effetto tutt’altro che collaterale della riduzione del governo della cosa pubblica a mera amministrazione dell’esistente.
La “diversità”, di cui in questi giorni tanto si disquisisce, è stata seppellita da quel pensiero, in nome del quale un po’ tutto divenne lecito e possibile e che produsse una politica fallimentare, peraltro sconfitta sul campo: prima, la perdita della Provincia, poi la pessima performance alle regionali e, infine, la vittoria di Pisapia a Milano, che di fatto ha capovolto il paradigma penatiano.
Eppure, Bersani non ha tutti i torti. Anzi, c’è da rimanere basiti di fronte al contrasto tra la soddisfazione unanime per le dimissioni di Penati e il buonismo che regna nei confronti degli uomini di Roberto Formigoni. E non ci riferiamo tanto ai randelli mediatici della destra, come il Giornale, Libero o la Padania, che fanno quello che sanno fare, ma a tutti gli altri.
Ma è mai possibile che alle giustissime richieste di dimissioni di Penati non siano seguite anche quelle di un altro componente del medesimo ufficio di presidenza, cioè l’ex-assessore formigoniano, Massimo Ponzoni (Pdl)? Ebbene sì, perché Ponzoni è indagato pure lui e non solo per corruzione, ma anche per i rapporti con il crimine organizzato. Secondo i magistrati, Ponzoni avrebbe persino ricevuto nei suoi uffici alcuni boss e sarebbe da considerarsi parte del “capitale sociale” della ‘ndrangheta.
Nel settembre dell’anno scorso, infatti, le opposizioni in Consiglio regionale chiesero le sue dimissioni, ma la mozione fu respinta, con voto compatto di Pdl e Lega, e da allora regna un irreale silenzio, senza troppo scandalo pubblico.
Ma la tolleranza nei confronti del mondo di Roberto Formigoni è più generale e radicata. Tanto per stare nell’attualità, potremmo ricordare lo scandalo del San Raffaele, dov’era sufficiente che Formigoni dicesse “ma che c’entra la Regione?”, perché più o meno tutti lasciassero perdere. Eppure, i rapporti privilegiati tra Cl e Don Verzé sono cosa nota e, soprattutto, c’è il fatto che il San Raffaele ha goduto, mediante i rimborsi, di un finanziamento pubblico regionale di 400 milioni di euro nel solo 2010.
E se non bastasse ancora, potremmo ricordare l’operetta padana che vede protagonista l’assessore leghista Monica Rizzi, indagata per uso illecito di dati protetti per favorire l’elezione di Renzo Bossi e per aver millantato istituzionalmente un’inesistente laurea in psicologia. Oppure, la nota vicenda di Nicole Minetti, “laureata” al San Raffaele ed “eletta” in Consiglio regionale nel listino bloccato di Formigoni, con tutto il suo corollario delle firme falsificate. Qualcuno si è dimesso? Ma figuriamoci!
Beninteso, tutto questo scenario non ci stupisce affatto e, se l’autocitazione non fosse peccato capitale, potremmo qui ripetere le nostre considerazioni di un anno fa sulla questione morale al Pirellone. Ma quello che continua a stupirci, nonostante tutto, è la diffusa acquiescenza nei confronti di Formigoni.
Certo, chi conosce la Lombardia sa bene quanto sia solido e capillare il sistema di potere ciellino costruito in 16 anni di governo ininterrotto della Regione. E tutti sappiamo che molti sono anche i legami con pezzi del centrosinistra, tra i quali, ironia della sorte, soprattutto quello penatiano.
Ma questa è una ragione in più e non in meno per cambiare registro, a partire da una po’ di pulizia in casa proprio e con l’apertura formale della questione morale in casa Formigoni.

Censimento: cercasi rilevatori

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI RILEVATORI DA INCARICARE PER LO SVOLGIMENTO DEL CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI .

Link: http://www.comune.buccinasco.mi.it/openweb/web/albo/albo_dettagli.php?id=1127
Link: http://www.comune.buccinasco.mi.it/articolo_5166/04/08/2011/bando_reclutamento_rilevatori_xv__censimento_2011_della_popolazione_e_abitazioni.html



No ai massaggi sui litorali di Buccinasco

ORDINANZA URGENTE PER LA TUTELA DELL'INCOLUMITA' PUBBLICA DAL RISCHIO DERIVANTE DALL'ESECUZIONE DI MASSAGGI LUNGO I LITORALI
Pubblicazione nr.: 2011/001077
Atto: Ordinanza del
Data affissione: 09/08/2011 - Data scadenza: 24/08/2011 - (15) giorni
Ente: ASL MILANO 1 - VIA SPAGLIARDI,19 PARABIAGO

Eternit abbandonato: 2'340 euro a carico della Manutenzione ordinaria verde

DETERMINAZIONE N° 644 DEL 3/8/2011
OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZIO SMALTIMENTO LASTRE IN ETERNIT ABBANDONATE IN LOC. BUCCINASCO CASTELLO ALLA DITTA DEPURSERVIZI SRL – CIG 306711033D
... PREMESSO che, in data 27/06/2011, sono state rinvenute diverse lastre contenenti amianto abusivamente scaricati in località Buccinasco Castello;
... CONSIDERATO che risulta necessario provvedere in tempi rapidi
... DETERMINA ... di approvare l’offerta tecnico/economica inviata in data 21/07/2011 ... per l’esecuzione dell’intervento di bonifica ambientale in oggetto;
... di impegnare allo scopo la somma complessiva di € 2.340,00 (I.V.A. 20% compresa) sul Capitolo n. 9290 “Manutenzione ordinaria verde” dell’Intervento 1.09.06.03 del Bilancio di previsione del corrente anno.

martedì 16 agosto 2011

Commento al DL che "mette le mani nelle tasche" di chi già paga le tasse

Abbiamo dunque capito: Il presidente Napolitano ha approvato un decreto-legge che sarà, se non stravolto, profondamente modificato in aula dalla stessa maggioranza (che conferma così di avere tuttora idee confuse in materia), e sul quale, alla fine, in nome dell’”emergenza”, sarà comunque posto l’ennesimo voto di fiducia, che, alla faccia dell’impegno per un serio confronto con l’opposizione, strozzerà ogni dibattito. Il decreto, tra l’altro, contiene assurdamente anche disposizioni “ordinamentali”, la cui “urgenza” (che ne giustificherebbe il loro inserimento in un decreto-legge, appunto) non pare per niente dimostrata, se si considera, per fare un solo esempio, che la cancellazione di un certo numero di Province è prevista (inevitabilmente) alla scadenza della consiliatura in essere, non ora. Ma questo governo e questa maggioranza vivono di “propaganda”, e così, supportati dall’enfasi dei “media” fiancheggiatori, si gonfiano il petto dichiarando di aver fatto scomparire di colpo 54 mila “poltrone”. In realtà sono solo “poltroncine”, che, complessivamente, “costano” assai poco. Si pensi in particolare alle indennità degli amministratori dei piccoli Comuni, coinvolti, insieme alle Province, nel processo di “razionalizzazione”. Sia chiaro: la riduzione dei costi della politica è un’esigenza inderogabile, ma andrebbe realizzata nel quadro di un disegno organico, che riguardi tutte le istituzioni. Con un complesso di norme “costituzionali” e “ordinarie”, sulle quali dovrebbe essere possibile ottenere in breve tempo il vasto consenso di un Parlamento che non fosse preoccupato soltanto della propria sopravvivenza, si potrebbe ottenere che: sia dimezzato il numero di deputati e senatori, scelta ormai matura quarant’anni dopo aver costituito i parlamentini regionali; gli “stipendi” dei suddetti parlamentari vengano allineati alla media europea, e dunque ridotti corposamente (insieme, correlativamente, a quelli dei “regionali”); siano ridisegnate le competenze di ciascun’istituzione, impedendo tassativamente sovrapposizioni di funzioni. In tal senso, alle Regioni in particolare dovrebbe essere semplicemente impedito, diversamente da quanto accade di fatto ora, di occuparsi di attività “amministrative” di spettanza degli enti locali; vengano istituite obbligatoriamente, laddove esistono le condizioni, le “città metropolitane”, superando, in tali contesti, le Province. Magari partendo dall’area milanese, dove la costituzione della Provincia di Monza ha rappresentato un “nonsense”; venga razionalizzato profondamente il “sistema Province”, sulla base, però, di parametri non esclusivamente “quantitativi”. L’abolizione totale di questi enti intermedi, in ogni caso, è sbagliata. I Comuni piccoli siano poi obbligati, senza perdere necessariamente la propria identità storica, a gestire i servizi in partnership tra loro; sia stabilito, ulteriormente, un limite ai “mandati” a tutti i livelli: difficile capire, in argomento, perché un Sindaco non possa essere rieletto dopo due mandati, mentre … Formigoni (grande elargitore diretto di “bonus” e “voucher”) possa fare il Presidente della Regione “ad vitam”. E forse è bene, di questi tempi, che lo stesso mandato parlamentare venga ridimensionato temporalmente. Siano introdotte, ancora, norme incisive sulle incompatibilità, compreso il divieto assoluto di incarichi plurimi. Infine, venga abrogato il “porcellum”. Dicevamo, però, che il decreto in questione è destinato a essere pesantemente modificato, a quanto si legge dai giornali. Perciò, l’attuale apprezzamento dell’Unione europea non si capisce bene cosa significhi. Rimetteranno in discussione, sono pronto a scommettere, la stessa questione “Province” e “Comuni”, perché la destra difficilmente avrà la forza di “tagliare”, in proposito, ma non perché abbia intenzione di pensare davvero (e doverosamente) a un riassetto istituzionale più complessivo, bensì per ragioni “di bottega”. Genio Calderoli ha già detto che no, non intendono cancellare gli esecutivi delle piccole comunità: solo i consigli comunali. Torniamo al “podestà”, allora, suvvia! Cambierà però anche il “superprelievo”, si dice, perché Berlusconi non vuole in alcun modo “mettere le mani nelle tasche dei cittadini” (già sentita, vero?). Per sostituirlo con che cosa, non si sa, e questo preoccupa molto. Resta il fatto che la “manovra”, così come ora concepita, è iniqua perché va contro i ceti medi (“ i forzati del fisco si sacrificheranno ancora per la patria e la patrimoniale, mentre gli evasori li deridono e quelli che vivono di rendita si sfregano le mani”, ha scritto l’Eco di Bergamo) e tocca principalmente i lavoratori “dipendenti”, meno gli “autonomi”, perseguendo poi scientificamente (è un classico della destra) l’obiettivo di far passare l’idea che quelli “pubblici” in particolare sono, come classe, dei “fannulloni”, e vanno dunque puniti. Certo sarà però risolutiva, per le finanze pubbliche, la “sterilizzazione” delle feste (“di sinistra”) del 25 aprile e del 1° maggio (buon Dio!). In conclusione: questa manovra è comunque “invotabile”, come afferma persino Casini, quali che siano gli appelli, anche “elevati”, alla “responsabilità”. Non v’è dubbio, allora, che il momento presente esigerebbe primariamente che questo governo fosse sostituito celermente con uno davvero “di emergenza”, presieduto da personalità all’altezza, come dice Bersani. Questa sì sarebbe una scelta responsabile, per il paese. I rischi di spendere, allo scopo, un tempo troppo lungo rispetto alla drammaticità della situazione mi pare non siano superiori a quelli che corriamo con le decisioni di un governo e di una maggioranza che non ha più alcuna credibilità, né nazionale né internazionale.
VINCENZO ORTOLINA - 15 agosto 2011

lunedì 15 agosto 2011

Libero! Finalmente libero!

Dovendo riassumere in uno slogan ciò che provo oggi, queste sono le parole più adatte!
Quando parecchi mesi fa si discusse l'opportunità di registrare un sito per il PD di Buccinasco, mi offrii volentieri, basandomi sulla precedente esperienza del sito della Margherita.
Invece la realtà è stata differente, col PD di Buccinasco che assumeva spesso posizioni che non condividevo, che si riflettevano in articoli pubblicati sul sito che non rappresentavano il mio pensiero.
Da oggi il segretario pro-tempore del PD di Buccinasco assume finalmente la responsabilità dell'omonimo sito, ed io posso gridare:

LIBERO! FINALMENTE LIBERO!




Commento scritto il 2 Agosto 2011 alle ore 18,00, e pubblicato per motivi tecnici il 15 Agosto 2011

sabato 6 agosto 2011

Come verificare i punti della patente?

Tratto da: http://it.cars.yahoo.com/28072011/305/come-verificare-i-punti-patente.html

Come verificare i punti della patente?

Con le vacanze ormai prossime è importante partire con la coscienza a posto, anche per quanto riguarda il saldo dei punti riportati dal nostro permesso di guida. Si tratta di una verifica che le Forze dell'Ordine effettuano ogni qualvolta ci fermano per un controllo, ma che possiamo fare anche noi.

Dopo una sanzione che abbia comportato una decurtazione di punti o per verificare che trascorso il tempo di "riabilitazione" questi siano stati restituiti. Sono molti i motivi che possono spingerci a verificare noi stessi e non dobbiamo obbligatoriamente far presenza ad un "posto di blocco" per scoprirlo.

Verifica online
Due le strade possibili. La prima è collegarsi al sito "Il Portale dell'Automobilista" nel quale il Ministero dei Trasporti ha allestito un'area preposta al controllo dei cosiddetti "abilitati alla guida"; per l'accesso è sufficiente iscriversi al portale e seguire le istruzioni.

Oppure al telefono
Una seconda via è invece telefonica. Basta chiamare questo numero: 848 782 782, avere la patente a portata di mano e seguire le istruzioni della "voce elettronica". Sia chiaro però: non si tratta di un numero verde e quindi non è gratuito. La telefonata va quindi effettuata da un normale telefono fisso e la tariffazione (urbana) segue il contratto in essere con il nostro gestore di telefonia.

I bonus e la matematica
Ovviamente, se sappiamo di non esserci persi nemmeno un punto per strada, il saldo può anche essere "dedotto". Chiunque infatti non abbia commesso infrazioni che prevedano la perdita di punti avrà infatti avuto "in omaggio" un paio di punti bonus ogni due anni. Cosa significa? Semplice: il calcolo scatta dall'introduzione di questo tipo di patente, nel 2003. Da allora ad oggi sono trascorsi quattro bienni per un totale di 8 punti, che sommati al "tesoretto" di partenza fanno avere a tutti gli automobilisti più virtuosi la bellezza di 28 punti.

Ma il tetto c'è
I "regali" non sono infiniti però, ricordiamolo. L'ultimo scaglione previsto è infatti atteso nel luglio del 2013. Da quel momento, chi avrà la fortuna di aver raggiunto i 30 punti non godrà più di alcun bonus.

martedì 2 agosto 2011

Nonni civici

Informazione tratta dal sito del Comune di Buccinasco il 4 Luglio. Alcuni dettagli potrebbero essere cambiati. Suggerisco di contattare il Municipio per maggiori informazioni

AZIENDA SPECIALE BUCCINASCO - A.S.B. Via Roma, 2 - 20090 Buccinasco (MI)
P.IVA 05463280965 - R.E.A. di Milano numero 1824079 E-mail: asb@comune.buccinasco.mi.it
Telefono 02 45797289 / 397 - Fax 02 45797398
BANDO NONNI CIVICI

L’Azienda Speciale Buccinasco, al fine di assicurare l’attività di vigilanza presso le strutture di proprietà del Comune di Buccinasco presenti sul territorio comunale per gli anni scolastici 2010/11 e 2011/12, pubblica il presente avviso diretto a chiunque ne abbia interesse.
Le persone interessate allo svolgimento del servizio, che ritengono di essere in possesso dei sotto elencati requisiti, possono presentate domanda sull’apposito modulo, all’Azienda Speciale Buccinasco fino al 2 settembre 2011 (escluso il mese di agosto). Se l’ufficio Azienda Speciale Buccinasco riterrà che le domande pervenute entro il 2 settembre 2011 non siano sufficienti per garantire i servizi di vigilanza sarà sua facoltà riaprire il bando dal 5 al 16 settembre 2011.
DESCRIZIONE DEL BANDO
Il servizio consiste nell’attività di vigilanza presso strutture di proprietà del Comune di Buccinasco.
In casi particolari ed eccezionali, e su espressa autorizzazione dell’ufficio Azienda Speciale Buccinasco, potranno essere previsti servizi particolari e limitati nel tempo, quali servizi di sorveglianza presso strutture a carattere culturale, durante manifestazioni organizzate e/o patrocinate dall’Azienda Speciale Buccinasco e/o dal Comune di Buccinasco.
REQUISITI RICHIESTI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO
(Come da condizioni indicate nella Deliberazione del Consiglio Comunale n°119 del 21/03/1984 avente oggetto “Inserimento degli anziani in attività lavorative ad integrazione dei servizi comunali”.)
- Residenza nel Comune di Buccinasco;
- Cittadinanza italiana o di uno dei paesi dell’Unione Europea;
- Assenza di condanne e carichi penali permanenti;
- Essere idoneo sotto l’aspetto psico-fisico;
- Aver 55 anni d’età e non essere occupati in attività lavorative oppure essere pensionati;
- Conoscenza del territorio di Buccinasco.
Costituiranno titoli di preferenza:
- Aver svolto analoghi compiti negli anni precedenti presso l’Azienda Speciale Buccinasco.
Riserve:
- Casi sociali segnalati dall’ufficio Servizi alla Persona del Comune di Buccinasco.
MODALITA’ DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA’
Ai “Nonni Civici” che operano in collaborazione con l’Azienda Speciale Buccinasco gli competono:
- L’impegno affinché le prestazioni siano rese con continuità, per il periodo preventivamente concordato, ai fini della necessaria programmazione delle attività;
- L’impegno a dare tempestiva comunicazione al Responsabile individuato dall’Azienda Speciale Buccinasco delle interruzioni, che per giustificato motivo, dovessero intervenire nello svolgimento delle attività.
NORME COMPORTAMENTALI
Il “Nonno Civico” rappresenta l’Azienda Speciale Buccinasco e il Comune di Buccinasco, a tal fine, deve mantenere un contegno corretto e un comportamento irreprensibile, operando con senso di responsabilità, in modo da riscuotere sempre la stima, il rispetto e la fiducia della collettività.
In particolare, il comportamento dei “Nonni Civici” deve essere improntato all’educazione, al rispetto ed alla tolleranza nei confronti degli utenti che frequentano le strutture di proprietà del Comune di Buccinasco, del personale scolastico, del Comune di Buccinasco e dell’Azienda Speciale Buccinasco. L’affidabilità e la puntualità sono requisiti fondamentali e necessari per il “Nonno Civico”. In quanto incaricati di pubblico servizio soggiogano alle specifiche disposizioni di legge in materia. Il “Nonno Civico” dovrà sorvegliare e segnalare all’ufficio Azienda Speciale
Buccinasco eventuali anomalie.
Il “Nonno Vigile” presentato la domanda di partecipazione al bando accetta e rispetta quanto è riportato nel regolamento.
DURATA DELL’INCARICO
L’incarico avrà durata per l’anno scolastico 2011/12, con possibilità di rinnovo d’intesa tra le parti anche per l’anno scolastico 2012/13.
I “Nonni Civici” che saranno ammessi al servizio dovranno sottoporsi a visita medica prima dell’inizio dell’anno scolastico 2011/12.
Gli incaricati cessano per i seguenti motivi:
- Revoca dell’incarico per inosservanza delle disposizioni comunicate dall’Azienda Speciale Buccinasco;
- Dimissioni volontarie scritte da parte del “Nonno Civico”.
COMPENSO ED ASSICURAZIONE
Ai partecipanti è riconosciuto un compenso per l’attività svolta pari a € 6,12 l’ora, al lordo delle ritenute di legge; in caso di cessazione per qualsiasi causa del presente contratto, il “Nonno Civico” non avrà diritto a qualsivoglia indennità di fine lavoro. Inoltre, non è previsto il pagamento di indennità di malattia, ferie, permessi, etc., è dunque prettamente previsto il pagamento delle ore di prestazione effettuate.
Per quanto riguarda il trattamento fiscale, l’art. 2 comma1 lett. D-bis del TUIR, prevede un regime agevolato di tassazione come per i compensi per lavori socialmente utili. Per i soggetti che hanno raggiunto l’età pensionabile e un reddito complessivo non superiore a € 9.028,22 i compensi percepiti verranno esclusi dall’imposizione fiscale fino a € 3.098,74 e l’eventuale eccedenza sarà assoggettata a trattenuta a titolo di imposta secondo l’aliquota prevista per il primo scaglione di reddito. Non sarà applicata detrazione d’imposta in quanto già fruita sul trattamento di pensione.
Tale contratto prevede apposita iscrizione INAIL mentre risulta esente da ogni versamento contributivo /INPS. L’INAIL provvederà direttamente al rimborso di un eventuale infortunio e sarà preciso compito del “Nonno Civico” informare l’ufficio Azienda Speciale Buccinasco producendo la
dovuta documentazione (primo certificato medico d’infortunio) entro 48 ore dall’evento al fine di consentire la dovuta denuncia come previsto dalla legge.
PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
La domanda dovrà essere compilata su modello predisposto, disponibile presso l’Ufficio Azienda Speciale Buccinasco, 4° piano presso il Comune di B uccinasco (via Roma n°2 - Buccinasco) nel seguente orario di apertura: Lunedì dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00 da Martedì a Venerdì dalle 8.30 alle 12.00 fino al 2 settembre 2011 (escluso il mese di agosto); se le domande pervenute entro il 2 settembre 2011 non saranno sufficienti per garantire i servizi di vigilanza verrà riaperto il bando dal 5 al 16 settembre 2011.
La domanda, con allegato fotocopia di un documento d’identità valido ed autocertificazione di non aver riportato condanne penali, dovrà essere consegnato all’ufficio Azienda Speciale Buccinasco.
Nel caso in cui le domande di partecipazione superino i posti disponibili, si procederà alla formazione di una graduatoria, che rimarrà in vigore fino al 30/06/2013.
Per informazioni rivolgersi presso:
Azienda Speciale Buccinasco c/o Comune di Buccinasco (4° piano)
Telefono 02 45797289 / 397
Orari di apertura ufficio: Lunedì 8.30 - 12.00 e 14.00 - 17.00 da Martedì a Venerdì 8.30 - 12.00
Il Direttore Azienda Speciale Buccinasco - F.to Ing. Massimiliano Rottigni


lunedì 1 agosto 2011

I porcospini di Schopenhauer

Una compagnia di porcospini, in una fredda giornata d'inverno, si strinsero vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono le spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l'uno dall'altro. Quando poi il bisogno di scaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripeté quell'altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro tra due mali, finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione.
 
(A. Schopenhauer, Parerga e Paralipomena, II, 2, cap. 30, 396)