IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

lunedì 9 ottobre 2017

Mamma mia che giornalisti!

Leggendo le notizie relativa alla famiglia brianzola avvelenata da tallio, le spiegazioni sulla presunta provenienza del tallio dalle feci di piccioni non mi avevano convinto.  Dove lo avevano preso tutto questo tallio i poveri piccioni? 
Ora un articolo del Blog della Società Chimica Italiana spiega il concetto: il giornalisti hanno semplicemente confuso il metodo scientifico di ricercare il tallio nelle feci dei piccioni (o in altri animali) per valutare l'inquinamento dell'ambiente (" l’OMS ha usato il contenuto di tallio nel corpo o nelle feci degli animali (fra i quali anche i piccioni) per provare che certi impianti (per esempio i cementifici) inquinano l’ambiente in termini di metalli pesanti") con un presunta e fantasiosa produzione di tallio (e come?) da parte dei piccioni stessi.
Poi c'è una nota parlamentare vicina al PD che parla di Fake News...!



Il tallio, i piccioni e i giornali.


Claudio Della Volpe
Posted on 4 ottobre 2017 by 
In questi giorni circola sui giornali una notizia su una famiglia di Desio che dopo una vacanza ha scoperto di essersi avvelenata col tallio; due dei componenti, padre e figlia, entrambi anziani sono deceduti e ce ne spiace, ovviamente.
Ma sono qui a scrivere di questo episodio di cronaca sia perchè ha a che fare con la chimica sia (soprattutto) per il modo in cui i giornali grandi e piccoli ne parlano stavolgendone il senso e inventandosi addirittura notizie inesistenti.

(da Wikipedia)
Il Tallio è un elemento del gruppo 13/III, elemento pesante, ma con lo stesso stato ionizzato principale +3 di Boro ed Alluminio; ma come anche gli elementi più pesanti di questo gruppo Gallio e Indio, il Tallio aggiunge uno stato +1. Le dimensioni dello ione +1 sono simili a quelle del Potassio e qua starebbe il busillo del Tallio. Il Tallio è considerato un potentissimo veleno, anche se l’esatto meccanismo rimane ancora sconosciuto; le ipotesi più significative sono le seguenti: alterazione del metabolismo del glutatione, stress ossidativo e alterazione della omeostasi del potassio.
Questi meccanismi sarebbero giustificati dicevo dalla somiglianza delle dimensioni ioniche dello ione Tl+ e dello ione K+.
Come sapete le dimensioni ioniche non sono banali da stimare e dipendono da una serie di fattori complessi, dovendo anzitutto chiarire se ci si riferisce alle dimensioni dello ione nel reticolo cristallino o in soluzione; ma ancora dipendono dal tipo di coordinazione. Evito dunque di prendere dati in giro da lavori sperimentali o programmi di calcolo per “provare”, come è scritto anche su wikipedia, che i raggi sono simili o perfino uguali.
Secondo me si tratta piuttosto di un “comportamento” analogo, che inganna almeno sul breve periodo alcuni dei meccanismi di discriminazione della cellula. Alla fine si tratta di reazioni specifiche che consentono di usare l’uno o l’altro ione; se la somiglianza è sufficiente il Tallio passa la reazione ma viene poi scambiato nei processi successivi dove però la somiglianza è inferiore e di qua parte l’effetto di avvelenamento.
Ci vogliono giorni o perfino settimane perchè le differenze si manifestino e portino a situazioni molto pericolose e mortali; per questo motivo il Tallio viene considerato un veleno perfetto, il veleno dell’avvelenatore, che consentirebbe di uccidere e fuggire senza destare sospetti.
Il sale più comune è il solfato di Tallio, che è anche insapore ed è stato usato come topicida per un certo periodo. Ma è un sale e dunque una sostanza ben poco volatile; perchè faccio notare questo?
Vediamo cosa hanno scritto i giornali:
Da venerdì sera i carabinieri di Desio stanno indagando per capire come la famiglia possa aver inalato il tallio. Secondo una prima ipotesi, la sostanza potrebbe essere stata usata per una campagna di disinfestazione dei campi vicino all’abitazione. Ma forse è più probabile che l’avvelenamento sia stato provocato da un’esposizione prolungata a escrementi di piccione, che contengono sostanze altamente tossiche, tra cui il tallio, come confermato da ricerche dell’Oms. L’infestazione di piccioni sarebbe avvenuta nel fienile della casa-vacanza. Le esalazioni delle sostanze contenute negli escrementi, inalate per un tempo prolungato, potrebbero essere state la causa dell’avvelenamento.”
Pensate un pò! Esalazioni di un sale provenienti dagli escrementi di piccione? A parte che se gli escrementi fossero così velenosi i primi a risentirne sarebbero i piccioni, per i quali il Tallio è altrettanto velenoso che per noi. E’ una notizia che è stata poi destituita di ogni fondamento, ma non si sa come l’abbia avuto e da chi questo fondamento. L’OMS avrebbe detto che il tallio è contenuto negli escrementi di piccione?
Giuro che ho cercato come un pazzo ma ho solo trovato lavori vari in cui l’OMS ha usato il contenuto di tallio nel corpo o nelle feci degli animali (fra i quali anche i piccioni) per provare che certi impianti (per esempio i cementifici) inquinano l’ambiente in termini di metalli pesanti; per esempio qui: http://www.townsendletter.com/Jan2016/thallium0116_3.html oppure qui
Oh la fantasia del Corrierone!
Il Secolo XIX addiritura titola:
I piccioni possono uccidere: donna in coma per aver inalato i loro escrementi
In un primo tempo i medici avevano pensato che la causa dell’avvelenamento delle due donne fosse un topicida, che le due donne tenevano evidentemente in casa a Nova Milanese. Il tallio, infatti, è una sostanza contenuta in alcuni topicidi. Analisi più approfondite da parte di carabinieri di Desio, su input della direzione sanitaria, hanno consentito di accertare, però, che le due donne erano state per un periodo prolungato in una casa-vacanze di famiglia, in campagna in provincia di Udine, nel cui fienile stazionano decine e decine di piccioni. I responsabili sanitari hanno riferito che il tallio si trova anche negli escrementi di piccione.”
Un metabolismo piccionesco contente tallio è una invenzione altamente creativa!
Anche perchè il Tallio non è un elemento comune in natura e dunque i poveri piccioni (che a me non stanno molto simpatici, topi con le ali) avrebbero avuto difficoltà a reperirne; ma certo poi avrebbero potuto anche avvelenare tutti i turisti di Piazza San Marco che da anni si respirano polvere di escremento di piccione!
Per uccidere ci vogliono alcuni mg pro chilo e dunque un mezzo grammo assorbito dalla polvere attraverso gli escrementi di piccione? Ma nemmeno se fossero fatti di tallio puro! Oh poveri noi!
Ragionevolmente il tallio può trovarsi in agenti topicidi, ma dovrebbero essere antiquati poichè l’UE lo ha escluso da questo uso proprio per la sua infida natura.
Potrebbe essere presente nell’acqua potabile o esserci stato erroneamente aggiunto attraverso l’uso di prodotti illegali, di cui casomai qualcuno si è liberato; potrebbe essersi trovato sparso su vegetali usati poi per l’alimentazione; le ipotesi ragionevoli non mancano; colpisce però che le prime ad esser fatte siano state quelle impossibili: esalazioni di sali e metabolismo del tallio nei piccioni.
Ancora più sicuro il Gazzettino:
I piccioni si sa sono veramente pericolosi spargitori di tallio!!!! Una scoperta da IGNobel!
Piano piano la verità si farà strada: i piccioni non c’entrano, ne sono sicuro: qualcuno avrà usato o scaricato un topicida o un insetticida in modo improprio avvelenando cibi o acqua; non vedo alternative. Anche la possibilità di una fonte naturale di Tallio appare alquanto difficile; nel mondo esiste una sola miniera di tallio, in Macedonia dove si scava la lorandite; in genere viene estratto come sottoprodotto di altre azioni minerarie oppure come sottoprodotto industriale (dall’arrostimento dellla pirite).
Conclusione: ma i giornali o chi li informa non potrebbero imparare un po’ di chimica prima di comunicare? O quanto meno rivolgersi a chi ne sa di più?
Fatemi chiudere con una quasi battuta; sembra che durante la guerra fredda l’FBI abbia considerato la possibilità (ma poi vi abbia rinunciato) di avvelenare Fidel Castro con il tallio, sparso nelle scarpe; pare che uno degli elementi del piano fosse che il tallio avrebbe potuto far cadere i peli della barba di Fidel, un effetto collaterale; ma dato che questo effetto arriva solo dopo un lungo avvelenamento il vantaggio mediatico non era poi così notevole per lottare contro i barbudos.
Ecco questa probabilmente è una bufala, ma date quelle di chimica che ci propinano i giornali, sono sicuro che nessuno me ne vorrà male.

Nessun commento: