IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

giovedì 1 settembre 2016

La "strategia" del PD

Tratto da:  

http://www.aldogiannuli.it/referendum-corte-costituzionale-4-ottobre/
Perché nel Pd si spera che la Corte Costituzionale bocci l’Italicum.
Si sta determinando una situazione  paradossale per cui la bocciatura del sistema elettorale dell’Italicum, da parte della Corte Costituzionale, è vista con sollievo dalla maggior parte di quelli che l’hanno sostenuto. 
E’, in particolare, il caso del Pd, nel quale, per ragioni diverse fra loro, gran parte delle componenti spera che la legge venga impallinata il 4 ottobre prossimo.
Sicuramente lo spera la “brigata conigli”, cioè la coraggiosa pattuglia guidata da Bersani che, in questo modo, potrebbe votare Si nel Referendum sostenendo che, siccome in questo modo cambia la legge elettorale, loro possono votare come il resto del partito e fare la parte dei bravi ragazzi disciplinati.

Ma, lo stesso auspicio è quello di Franceschini e di quella parte di Pd che, dopo le amministrative, teme che il meccanismo del doppio turno faccia vincere i 5 stelle: una bocciatura sarebbe provvidenziale, perché obbligherebbe il riottoso Renzi a rimettere le mani nella legge elettorale e, a quel punto, si vede come fare una legge più sicura per il Pd. E a pensarla così sono anche molti parlamentari che non si esprimono apertamente, ma ormai vedono l’Italicum come una minaccia (cosa comune ai parlamentari di Alleanza Popolare che vogliono il ripristino delle coalizioni).
Ad avere particolare motivo di paura per la vittoria dei 5 Stelle (e dunque di avversione all’Italicum) è Giorgio Napolitano: i “grillini” hanno già proposto il suo deferimento all’Alta Corte di Giustizia per attentato alla Costituzione e non ce la fecero perché non avevano i voti sufficienti, ma, una volta conquistata la maggioranza ed avuto i voti necessari (e potrebbero aggiungersi quelli della Lega e di FdI) potrebbe tornar loro il desiderio di regolare il vecchio conto. Anzi, il gruppo parlamentare potrebbe trovarsi di fronte ad una sollevazione della base e, se si giungesse ad una consultazione on line, il risultato sarebbe scontato. Certo, a 90 anni non si rischia di andare in galera, ma concludere l’esistenza con un processo davanti all’Alta Corte non è la cosa più augurabile.
Poi a rendere appetibile una sentenza negativa contro l’Italicum è anche un’altra considerazione dei più che, ormai, vedono la sconfitta al referendum come un esito sempre più probabile. La fine dell’Italicum potrebbe disinnescare la mina referendaria,togliendo un forte argomento ai sostenitori del No. Magari potrebbe spingere ad una forte astensione che, se non altro, ridimensionerebbe il peso di una eventuale sconfitta. Speranze, certo, perché questo potrebbe, al contrario, incoraggiare la vittoria del No, ma dopo si vede che fare. Anche perché è già chiaro che, se vince il Si, il Pd ha vinto il referendum, se invece vinche il No è Renzi che ha perso il referendum. Non lo avevate capito?
Unico a non pensarla in questo modo è proprio Renzi che, da un lato, teme che una sentenza sfavorevole diventi l’inizio della catastrofe, mentre lui punta tutto sulla vittoria referendaria, perché, dopo, spera di prendere il 40% al primo turno, così da beccare il premio senza bisogno di un secondo turno. D’altra parte, a pagare una bocciatura della Consulta sarebbe lui in prima persona, in quanto massimo sostenitore della legge.
Il che conferma una cosa: che se vince il No, Renzi può anche pensare di non dimettersi, ma ci penseranno gli altri del Pd a ricordargli la “promessa” fatta.
Aldo Giannuli

Nessun commento: