IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

mercoledì 19 settembre 2012

30 deputati PD chiedono di cambiare le regole per impedire a Vendola di candidarsi alle primarie?


Nel Pd fronda anti Vendola - Bersani: si decide a maggioranza
19 settembre 2012
Saranno i gruppi parlamentari, a maggioranza, a decidere, in caso di dissenso tra i partiti quale posizione debba prevalere. È la risposta di Pier Luigi Bersani ai 30 parlamentari del Pd, guidati da Beppe Fioroni, che gli hanno scritto sottolineando la diversità di programmi tra i candidati alle primarie, e in particolare Nichi Vendola.

La richiesta dei 30 è di cambiare le regole delle primarie, impedendo di fatto al presidente della Regione Puglia di presentare la sua candidatura.

«Essendo primarie di coalizione - avevano scritto i 30 deputati - riteniamo che i partecipanti delle altre forze politiche debbano presentare un programma compatibile e integrabile con il nostro. Iniziative come quella referendaria abrogativa per leggi che possono essere sicuramente migliorate, ma la cui abrogazione recherebbe nocumento al paese, non sono di certo compatibili». Il gruppo si riferiva alla scelta di Vendola di sostenere insieme con l'Idv la raccolta delle firme per cancellare la riforma dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori introdotta dal governo Monti.

I firmatari sono Benedetto Adragna, Gianluca Benamati, Luigi Bobba, Daniele Bosone, Gianpiero Bocci, Daniela Cardinale, Mauro Ceruti, Carlo Chiurazzi, Lucio D'Ubaldo, Enrico Farinone, Donatella Ferranti, Anna Rita Fioroni, Giuseppe Fioroni, Giampaolo Fogliardi, Maria Pia Garavaglia, Francantonio Genovese, Paolo Giaretta, Tommaso Ginoble, Gero Grassi, Nino Papania, Luciana Pedoto, Mario Pepe, Flavio Pertoldi, Simonetta Rubinato, Antonio Rusconi, Giovanni Sanga e Rodolfo Viola.


«La nostra carta di intenti-dice Bersani- fisserà dei punti precisi che sono di merito ma anche di metodo: prevede in caso di dissensi una cessione di sovranità, per cui si decide a maggioranza in una riunione congiunta dei gruppi. Non transigiamo su questo perchè è un meccanismo di solidarietà della coalizione».

Intanto, il leader di Sel Nichi Vendola ha spiegato di non aver ancora sciolto la riserva sulla sua partecipazione alle primare del centrosinistra: deciderà entro due settimane.

Nessun commento: