IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

martedì 22 giugno 2010

Buone novità sugli strumenti di tortura

Tratto da: http://www.francescabalzani.it/symcms2/web/symcms/showpag/index/page_id/apri-news/news_id/207

21 giugno 2010 - Strumenti di tortura: commercio vietato in Europa
Il commercio di manganelli chiodati, blocca-pollici e qualsiasi arma corporale a scariche elettriche è vietato in tutta Europa. Il Parlamento europeo ha chiesto alla Commissione di aggiornare la legislazione europea esistente e includere tali oggetti nella lista degli strumenti di tortura vietati o strettamente regolamentati.
Secondo gli europarlamentari, infatti, molti Paesi dell'Unione non hanno attuato in modo sufficiente la normativa europea sul commercio degli strumenti di tortura entrata in vigore nel 2006.
Tale considerazione si basa su dati di un rapporto di Amnesty International/Fondazione Omega in cui risulta che solo sette dei 27 Stati membri dell’Unione hanno redatto la relazione annuale sull'applicazione del regolamento, come previsto dallo stesso, fra i quali non risulta l'Italia.
Il rapporto di Amnesty International, intitolato "Unione europea: fermare il commercio in strumenti di tortura", illustra come la normative europea non contenga disposizioni forti e complessive per assicurare che le aziende non portino avanti questo lucroso commercio.
Inoltre, a quanto risulta dal rapporto, l’applicazione della legge per i fornitori di tali strumenti in Italia e in Spagna ha favorito, anziché bloccare, la vendita di “manette” e “maniche” a scariche elettriche in grado di fornire scosse di 50000 V da usare sui prigionieri. Una lacuna giuridica consente il loro commercio nonostante altri oggetti essenzialmente analoghi come le "cinture elettriche di stordimento" siano vietate sia all'importazione che all'esportazione in tutta l'UE.

Nessun commento: