IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

domenica 3 aprile 2011

Limiti per i neopatentati (validi solo in Italia ?)

Vergogne italiane - LIMITI PER I NEOPATENTATI Pubblicata il 25/03/2011 RIASSUNTO DI UN ARTICOLO PUBBLICATO DA: http://www.quattroruote.it/notizie/legal/vergogne-italiane-limiti-per-i-neopatentati Dal 9 febbraio 2011 chi prende la patente B non solo deve sottostare ai limiti in vigore da tempo per i neopatentati, ma per un anno non può guidare autoveicoli con potenza specifica superiore a 55 kW/t. E se il veicolo è un'autovettura, cioè la normale macchina di casa, non può guidarla se ha una potenza superiore a 70 kW (circa 95 CV), nemmeno se la potenza specifica è inferiore a 55 kW/t. Risultato? Da un mese e mezzo tanti neopatentati non possono più mettersi al volante. ... Secondo "Quattroruote" si tratta di una norma assurda, ingiusta, inutile e persino controproducente: - assurda perché se la macchina di famiglia non ha le caratteristiche di legge un neopatentato non può guidarla nemmeno se ha un genitore al suo fianco, come invece poteva fare quando aveva il foglio rosa; - ingiusta perché se l'auto di famiglia non è guidabile, chi ha i soldi può cambiare macchina o acquistarne una nuova, chi non li ha non guida; - inutile perché non servirà a impedire comportamenti sbagliati. Parliamoci chiaro, non è che con una macchina con meno di 55 kW/t il guidatore automaticamente indosserà sempre le cinture di sicurezza, parlerà al telefono solo con l'auricolare, rispetterà scrupolosamente i limiti di velocità, si fermerà al giallo del semaforo. Così come non è che dopo un anno di purgatorio l'ex neopatentato, lo farà per il solo fatto di avere 19 anni; - controproducente perché allo scadere dei 12 mesi di divieto l'ormai ex neopatentato (ma ancora neopatentato ai fini dei punti, dell'alcol e della velocità), passeggero da un anno, con ogni probabilità avrà disimparato a guidare o comunque al volante potrebbe sentirsi meno a suo agio di quando era fresco di patente e quindi essere più "pericoloso" di quanto non sarebbe stato mesi prima. Secondo "Quattroruote" il parlamento dovrebbe al più presto abolire questa norma. Tutti i motivi per cui la disposizione è da sopprimere sul numero di "Quattroruote" di aprile, in edicola in questi giorni. Firmiamo la petizione per chiedere l'abolizione di questa legge Tutte le firme raccolte saranno portate all'attenzione del Governo e del Parlamento. N.d.R. che hanno però altre priorità ...!

2 commenti:

Franco Nardelli ha detto...

I limiti di velocità sonogià irrealistici, e siamo tutti fuori legge.
Che il figlio neopatentato non possa guidare la macchina di famiglia è assurdo. Potevano casomai istituire un esame più restrittivo per la guida di auto più potenti.
Secondo me il problema è che le multe le fanno per far soldi, non per colpire chi guida in modo pericoloso.

Franco Gatti ha detto...

Gentile sig Nardelli
Non credo che i limiti di velocità siano sempre e solo irrealistici.

In autostrada credo 130 km/h siano già sufficienti ad inquinare parecchio. Forse se li abbassimo un poco, portandoli ai 120 km/h in vigore in UK e Svizzera (salvo errori...) non faremmo un così gran danno, tranne che allo Stato ed ai petrolieri che guadagnano sui nosti consumi ...