IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

martedì 23 marzo 2010

Consigli per le elezioni regionali

Ecco i miei consigli per le prossime elezioni regionali:

Candidato Presidente: Filippo Penati: l'esperienza di Penati potrà far ripartire la Lombardia, rimuovendo le "incrostazioni" formatesi dopo tre lustri di governo della stessa persona. Persona che si è circondata di fedelissimi appartenenti ad una piccola area dei propri elettori, istituendo un controllo rigido (le famose cinghie di trasmissione ...) sulla regione Lombardia. Solo una sana alternanza permetterà il rinnovamento ed aumenterà l'efficienza, rompendo questi legami.

Partito: come iscritto del PD devo suggerire di votare Partito Democratico... Questa volta con maggiore entusiasmo, per il rinnovamento che sta avvenendo all'interno del gruppo dirigente, e per la forza dei programmi presentati. Spendere meglio le risorse della Lombardia per migliorare la Sanità (anche quella pubblica ...) e la scuola (anche quella pubblica), che sono dimenticate e messe in difficoltà dalle scelte dell'attuale presidente. Presidente che si fa addirittura spesso chiamare Governatore..., lapsus motivato forse dal ricordo dei governatori nominati dalle case regnanti per il controllo delle colonie ....

Candidato Consigliere: suggerisco di indicare Marco Granelli: un candidato proveniente dal volontariato cattolico, con una vasta esperienza anche al fuori del Comune di Milano, che si è sempre e regolarmente impegnato ad informare sulla propria attività, grazie ad un blog sempre aggiornato. Un Consigliere Comunale che ha colto i possibili conflitti di interesse, e si è dimesso dagli incarichi nel volontariato quando è stato eletto Consigliere Comunale a Milano.
Ho poi visto che ci sono persone nelle quali ho fiducia che hanno fatto la stessa mia scelta: anche Rosy Bindi, Giovanni Bachelet, Nando Dalla Chiesa, Daniela Mazzuconi, sostengono la candidatura di Marco Granelli. Per maggiori informazioni: http://www.marcogranelli.it/

Nessun commento: