IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

martedì 23 giugno 2015

Cittadino, paga e taci!

Giuseppe Civati pubblica spesso interessanti analisi del comportamento del Governo guidato dalla "stella cadente" Matteo Renzi.
Oggi evidenzia un argomento che ben esemplifica a quali poteri obbedisce la sua maggioranza.
Cittadino, paga e taci!

Il catasto non si riforma (a proposito di disuguaglianze)

Come capita spesso in questa legislatura, anche la decisione del governo di non procedere alla riforma del catasto (promessa in campagna elettorale e tema sul quale il centrosinistra aveva sempre puntato) ha trovato l’approvazione festante delle destre di ogni tipo, all’interno e all’esterno della maggioranza. Gasparri e Lupi per primi.
L’argomento per il quale non si procede è falso: aumenterebbero le tasse sulla casa, si dice.
Tutti sanno però che non è vero, dal momento che era prevista una clausola (dell’invarianza) per cui il gettito sarebbe stato lo stesso, solo ripartito in modo diverso, tra chi ha case di maggior pregio e chi abitazioni più povere (a favore evidentemente di quest’ultima categoria di persone).
Resta da capire chi dà la linea al governo sulla questione: se il lavoro di anni di Marco Causi e tanti altri non è considerato utile per il Paese, allora dobbiamo pensare che la linea la diano Forza Italia e le sue derivazioni.
Perché non ne sono sorpreso?

Nessun commento: