IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

domenica 14 dicembre 2014

A che servono le preferenze?

Un esempio tratto dalla ultime elezioni amministrative a Buccinasco.
Partiamo da una lista che sosteneva (e sostiene) l'attuale sindaco, e che ha ottenuto 3 Consiglieri Comunali

Elezioni Sindaco 2012 - Consiglio 2012 - Voti ai candidati Sezioni: 25 su 25
Lista Descrizione:  PER BUCCINASCO
Voti di Lista:  1.253
Voti Pref.:         841
1 MAURIZIO CARBONERA 209       ELETTO MA POI SI E' DIMESSO
2 ROSA PALONE 86                           ELETTA ED ANCORA IN CONSIGLIO
3 RINO CARMELO VINCENZO PRUITI 278     OPTA PER DIVENTARE ASSESSORE
4 ELISA CAPANNA 26                      ATTUALMENTE IN CONSIGLIO COMUNALE
5 GIUSEPPE COLOMBO 26              Pari voti con Elisa Capanna
6 ANDREA SOZZO 19
7 ANDREA VIGO 11
8 FABIO MAROTTA 17
9 PLACIDO CORDOVANA 7
10 ANTONIO SALVATORE D'ANGELO 8
11 LINO BRESCIANI 40                    ELETTO MA POI SI E' DIMESSO
12 ORTENSIO MASSIMO GIGLIOTTI 7
13 ANTONELLA ANITA PALLADINI 8
14 ALBERTO PERONACI 51             ELETTO ED ANCORA IN CONSIGLIO
15 ALESSANDRA SALA 22
16 SUSANNA PETRINGA 26             Pari voti con Elisa Capanna

Quindi: il 1° degli eletti non è mai entrato in Consiglio
il 2° si è dimesso dopo una sola seduta
il 3° ed il 4° sono rimasti a fare i Consiglieri
il 5° è subentrato e poi si è dimesso
ed è subentrato il 6° il graduatoria, che era a pari merito con altri  due candidati

Sarebbe interessante depurare i voti d lista  da quelli ricevuti da chi in Consiglio Comunale non è mai andato oppure  non c'è più, e considerare quante di queste preferenze sono stati voti alla persona prima che alla lista, per fare alcune considerazioni sulla importanza e sull'utilità del voto di preferenza.   
La preferenza è ancora un modo per vedere impegnato in Consiglio Comunale il candidato preferito?

Nessun commento: