IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

giovedì 13 novembre 2014

La FINTA possibilità di fare delle proposte sulla Città Metropolitana?

Il sito ufficiale del Comune di Buccinasco riporta questa notizia


 OPEN CALL - STATUTO CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO    
stampa articolo

apri 4555
Aperta una fase di raccolta di documenti e proposte scritte provenienti da istituzioni pubbiche, associazioni, organizzazioni e singole cittadine e cittadini che vogliano contribuire a elaborare una proposta di Statuto

In data 3 novembre si è insediata la Commissione Statutaria della Città Metropolitana di Milano, che ha nominato Arianna Censi come presidente e il consigliere Luca Lepore come vice presidente.
Tale Commissione avrà l’importante compito di elaborare una proposta di Statuto da sottoporre al voto del Consiglio Metropolitano, acquisendo documenti e proposte utili all’elaborazione del testo.
A tale scopo è stata aperta una fase di raccolta di documenti e proposte scritte provenienti da istituzioni pubbliche, associazioni, organizzazioni e singole cittadine e cittadini.

I contributi scritti potranno essere inviati all’indirizzo di posta elettronica:
Supporto.OrganiIstituzionali@provincia.milano.it, entro lunedì 10 novembre 2014, alle ore 9. 

Pubblicato il 04-11-2014


Mi sembra importante osservare che noi cittadini abbiamo avuto tempo da Martedì 4 a Lunedì 10 Novembre (ore 9,00) per esprimere le nostre proposte.
Dopo che il PD di Governo ha vietato agli elettori di potersi esprimere sulla Città Metropolitana, preferendo che fossero solo gli "eletti" a scegliere gli "eletti di secondo livello" che gestiranno la Città Metropolitana nei prossimi mesi (o forse anni!), nomineranno gli amministratori delle società collegate e ne scriveranno lo Statuto, ora i cittadini hanno avuto quasi una settimana per le loro proposte.
Ovviamente con nessuna garanzia che di esse si tenga conto, o che anche solo vengano valutate.   Una nuova dimostrazione di come il concetto di "democrazia" sia interpretato dal PD di Renzi!

Un buon motivo per vedere con fiducia il capo del Governo impegnato nelle riforme elettorali e costituzionali...
Forza PD, oppure è ora  di cambiare la D della sigla?

Nessun commento: