IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

lunedì 29 aprile 2013

Abbandonare il PD?

Simone Negri ha pubblicato sul suo blog un interessante articolo sulla situazione interna del PD.  Vi invito a leggerlo al link:  http://simonblacks.wordpress.com/2013/04/29/un-governo-di-sussidiarieta-nazionale/#comment-209

Ecco il mio commento:

Ciao Simone
Leggendo la composizione del Governo è a mio parere chiaro che il PD come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi non potrà più presentarsi agli elettori per chiedere il loro voto.
E' una esperienza finita.
O che al massimo potrà puntare a una semplice testimonianza.  Non so neppure se il PD alle prossime elezioni sarà in grado di superare la soglia di sbarramento prevista per i piccoli partiti.  D'altronde, come potrebbe chiedere alleanza a SEL o a chiunque altro, dopo avere formato un governo con Alfano, Quagliariello, Mauro e Lupi...solo due mesi dopo avere vinto le elezioni (ed avere guadagnato la maggioranza di coalizione alla camera dei Deputati)?
Ma peggio ancora, come potrà sperare che gli elettori possano avere (ancora) fiducia in questo partito?

Occorre rimboccarsi le maniche e tentare dall'interno di far fare una inversione di rotta.
O in alternativa abbandonare la nave che ha deciso di autoaffondarsi.
Ma in fretta!
Franco

P.S.Non ho resistito alla tentazione di illustrare la situazione con una immagine del Titanic.
Oggi come allora i viaggiatori di Prima Classe (dirigenti nazionali e pochi altri) si salveranno passando a qualche accogliente nuova destinazione.
I viaggiatori delle classi inferiori ed il personale di bordo (qui gli elettori ed i dirigenti locali...) affonderanno col progetto.

1 commento:

Franco Gatti ha detto...

Commento pubblicato in:
http://maioranosindaco.wordpress.com/2013/04/29/910/

in risposta ad un articolo del Sindaco di Buccinasco, Giambattista Maiorano:


Gentile Sindaco Maiorano
Ho l'impressione che questa volta il PD abbia fatto uno strappo troppo grosso con i suoi elettori.
Li ha illusi con un programma alternativo al PDL ed una alleanza con SEL, per poi accettare di votare un Governo come questo.

O il PD cambierà immediatamente rotta, o davvero l'unica cosa che i suoi dirigenti nazionali possono fare e pensare a se stessi, tentando di far durare il più a lungo possibile questa legislatura, perchè mai più riusciranno a rientrare nel Parlamento...

Franco