IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

mercoledì 6 luglio 2011

Lasciare tutto ?

Tratto da: http://27esimaora.corriere.it/articolo/ho-lasciato-il-lavoro-dei-miei-sognie-gustato-le-prime-gocce-di-liberta/

lug05 Non ho un nuovo lavoro, non sono ricca di famiglia, non sposo il Principe Azzurro. Il mio è un salto senza rete, o quasi
Ho lasciato il lavoro dei miei sogni
E gustato le prime “gocce” di libertà
di Gabriela Jacomella

--------------------------------------------------------------------------------
Il 1° luglio 2011 è un giorno che passerà alla storia. La mia, ovviamente. Perché è stato il primo giorno della mia nuova vita. Cerco di trovare le parole per dirlo – fa ancora effetto, un po’, persino a me stessa: mi sono dimessa dal Corriere della Sera. Dove ero arrivata da stagista venticinquenne nel luglio 2002, e dove ero stata assunta con un posto a tempo indeterminato.

Ho la sensazione che un post non basterà a riassumere quello che mi passa – e mi è passato, negli ultimi mesi – per la testa, ma l’idea è proprio questa: raccontare il qui e l’ora del mio cambiamento. Per le altre riflessioni, forse, ci vorrà del tempo.

Lasciare il lavoro dei miei sogni, ricominciare a vivere. Il progetto è, semplicemente, questo.
A questo punto siete liberi di fare due cose: decidere che sono soltanto una pazza arrogante, e investire più proficuamente il vostro tempo in altre letture. Oppure pensare che, forse, c’è del metodo in questa follia, e seguirmi nelle prossime righe.

Ci siete ancora? Bene. Per prima cosa, una confessione. Quando mi hanno proposto di scriverne per questo blog, ho esitato un istante. Perché è il mio esordio su questi spazi, e perché comunque è una sensazione strana, questo tentativo di raccontare a chi mi legge senza conoscermi – voi – i motivi e le emozioni legati alla mia scelta. Ho deciso di provarci per due motivi: ho visto l’interesse suscitato dal post di Benedetta Argentieri su questo tema, e mi sono detta che, forse, parlarne di più può servire sia a me, che (spero) a voi che mi state leggendo.

Non ho un nuovo lavoro, non sono ricca di famiglia, non mi sto per sposare con il Principe Azzurro. Il mio è un salto senza rete, o quasi.

Riparto dai risparmi messi da parte in questi nove anni, ma soprattutto dall’esperienza accumulata, dai contatti, dalle idee. E, ancora più fondamentali, la curiosità e l’entusiasmo. Quelle cose che, complice un carattere forse eccessivamente irrequieto, stavo rischiando di perdere per strada, lasciando che venissero soffocate dalla routine.
Ho scelto di andarmene prima che questo accadesse. E prima che nove anni di “chiusure” del giornale a mezzanotte mi facessero dimenticare definitivamente che cosa fosse la vita, quella “là fuori”, quella che non passa attraverso lo schermo di un computer, quella che ti costringe a reinventarti ogni mattina e che fa uscire fuori – almeno spero – la parte migliore di te.

Quella che ieri sera, primo giorno di “libertà”, mi ha fatto fermare sulla pista ciclabile di via Melchiorre Gioia e scattare una foto ai palazzi in costruzione che circondano casa mia. Uno scorcio banale, forse persino brutto, di una città in cui ho vissuto per tutti questi anni senza mai sentirla davvero mia, senza “viverla”. Ecco, ieri sera mentre pedalavo mi sono accorta che dietro la nuova sede della Regione spuntava una struttura che per un attimo mi è parsa la curva di un dirigibile, o un’astronave di passaggio, in attesa di decollare di nuovo verso un cielo blu cobalto. Mi sono chiesta da dove fosse spuntata: la risposta è che, probabilmente, è sempre stata lì. Soltanto che io, tornando di notte verso casa, per tutti questi anni di quell’angolo di città ho visto soltanto ombre nel buio.

E allora mi sono fermata a respirare l’odore del temporale e dell’acqua fresca che aveva appena scrollato su palazzi e marciapiedi incandescenti. Ho visto le foglie nuove, così chiare da sembrare fluorescenti, sui rami degli ailanti (altra scoperta: di notte, i toni di verde sembrano tutti uguali), il sole arancione che si tuffava tra le gru dei cantieri.

Ho finalmente pensato al Corriere e alla mia professione come una parte di me, importante ma non totalizzante, come quando si passa da un’ossessione a un amore adulto e più sereno, quello che “non lascia graffi sui seni” (De André, grande colonna sonora della mia vita e di questi ultimi tempi di decisioni ed eventi epocali). Ho capito, non in modo razionale ma istintivo, che è proprio grazie all’esperienza di questi anni che posso rimettermi in viaggio. Che sarà difficile, e che a volte mi capiterà di maledirmi per le scelte che ho fatto, e di rimpiangere il tempo in cui lo stipendio arrivava tranquillo in banca a fine mese e c’era sempre qualcuno pronto a dirmi cosa avrei dovuto fare, senza che mi toccasse spremermi le meningi e ricominciare daccapo ogni giorno.

Ma non è questo, in fondo, il sapore della libertà



Nessun commento: