IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

martedì 28 ottobre 2014

Come Renzi vorrebbe spendere i soldi dei lavoratori

Tratto da:  https://www.linkedin.com/groups/TFR-BUSTA-TUTTI-STANNO-GUARDARE-2526148.S.5931045663730073604?view=&item=5931045663730073604&type=member&gid=2526148&trk=eml-b2_anet_digest-group_discussions-15-grouppost-disc-1&midToken=AQGisdoQOf3kdA&fromEmail=fromEmail&ut=22fCJ-VxVaGCs1


Dopo le idiozie partorite dal governo mi chiedo: perché nessuno insorge? 
I sindacati si limitano a chiedere che il TFR in busta non venga tassato (e perché mai?) anziché pretendere che quella sorta di paracadute vincolato non sia l'ultimo furto ai lavoratori.
Perché la penso così? Ve lo spiego subito.
Il legislatore, a suo tempo, mise dei paletti per poter accedere al TFR da parte del lavoratore prevedendo casi specifici ( solo dopo 8 anni di anzianità e per acquisto/ristrutturazione casa e spese mediche) al fine di impedirne lo sperpero.
E il governo che fa?
Per incentivare i consumi (non credo sia una giustificazione plausibile) visto che non sono in grado di prevedere altri incentivi (probabilmente le loro conoscenze di economia politica e politica economica rasentano lo zero!) ecco che i paletti vanno in soffitta e cercano di far aumentare i consumi invitando i lavoratori a sperperare quell'istituto che da sempre rappresenta un salvagente in caso di dimissioni o licenziamento nonché un accantonamento per le pensioni future che saranno molto inferiori rispetto l'ultimo stipendio.
Ma i sindacati, i veri politici, i consulenti del lavoro cosa aspettano a lanciare l'allarme? Cosa aspettano a fare informazione massiccia e a denunciare le scelte folli di questo governo che tra un po' chiederà ai lavoratori di firmare cambiali pur di consumare?

Nessun commento: