IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

lunedì 8 dicembre 2008

Meningite e vaccinazioni

In Italia ci sono circa 900 casi annui di meningite, con frequenza maggiore nei mesi freddi, quando è favorita da occasioni di sovraffollamento in locali chiusi.
Le forme più diffuse sono quelle da Neisseria meningitidis o meningococco; altre cause sono pneumococco ed emofilo, più alcuni virus.
Si stima che il meningococco sia presente senza fare danni nella mucosa di naso e gola di un quarto della popolazione mondiale; si trasmette per contatto diretto con le secrezioni respiratorie, tosse e starnuti; non resiste nell’ambiente.
I rischi maggiori della malattia sono la morte entro 24-48 ore o le gravi complicanze: cecità, sordità, paralisi o ritardo mentale.
Nella meningite è fondamentale una diagnosi rapida, stabilendo prima di tutto se la forma è batterica o virale: individuare subito sintomi sospetti e rivolgersi ai soccorsi.
Nei bambini sotto l’anno di età i segni d’allarme sono sfumati, con febbre dai 38° in su, irritabilità, pianto flebile, vomito, inappetenza, convulsioni; sopra l’anno i sintomi sono più tipici e simili all’adulto, con febbre, vomito frequente, rigidità nucale, lesioni cutanee rossastre, alterazioni comportamentali come disorientamento, difficoltà nel parlare, rifiuto di camminare.
Contro il meningococco di sierotipo C, tra i più comuni in Italia ed in Europa, la vaccinazione è efficace e sicura, con il coniugato valido anche per la prima infanzia, disponibile dal 2002, ma è ancora poco utilizzato, per scarsa informazione, pregiudizi e una certa confusione alimentata anche da disparità nelle offerte regionali. Non esiste invece ancora un vaccino per il sierotipo B.
In Gran Bretagna l’offerta del vaccino anti-meningococco è attiva e gratuita, si sono fatte campagne informative, ed ora il problema è risolto, azzerando i casi.

Per maggiori informazioni, consultare il proprio medico o pediatra. Queste informazioni non sostituiscono un supporto professionale.

Nessun commento: