IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

sabato 26 aprile 2014

Renzi verrà ricordato come Amato?

Ecco una "bella" cosa per la quale il Governo guidato da Matteo Renzi merita di essere ricordato: un aumento delle tasse sui conti correnti!
Nel momento in cui le famiglie sono in difficoltà, ed usano i risparmi per sopravvivere, il Governo aumenta le tasse sugli (scarsissimi) interessi che ottengono dalla banche.
Bravo Matteo!

tratto da:  http://www.repubblica.it/economia/2014/04/25/news/tassa_conti_correnti-84399811/

Conti correnti, il prelievo aumenta tra 1 e 170 euro l'anno
Polemiche per il passaggio della tassazione dal 20 al 26%. Le stime della Cgia di Mestre sull'aggravio per i contribuenti
Il gettito dai c/c supererà 1 mld nel 2016
di ROBERTO PETRINI

E' polemica sull'aumento della tassazione delle rendite finanziarie dal 20 al 26 per cento che include anche le tasse sui conti correnti bancari. Da Forza Italia si accusa il presidente del Consiglio Matteo Renzi di essere un "simpatico tassatore", mentre si punta l'indice su quella che viene definita una "stangata".

Il decreto Irpef, ieri firmato da Napolitano, prevede infatti per il 2015 un gettito di circa 755 milioni su conti correnti, libretti postali e certificati di deposito (il 92,8 per cento delle famiglie possiede un deposito bancario o postale).

Polemiche che hanno provocato una nota di Palazzo Chigi. "Non c'è nessuna tassa sui conti correnti e non c'è nessun collegamento con il bonus di 80 euro", spiegano gli uomini di Renzi. "Il governo - si aggiunge - ha deciso, come annunciato il 12 marzo, di alzare dal 20 al 26 per cento la tassazione sulle rendite finanziarie" per portarle nella media europea e per abbassare l'Irap del 10 per cento. Il responsabile economico del Pd, Filippo Taddei ha aggiunto su Twitter che l'operazione costerà ai contribuenti italiani "meno di un caffè al mese".

"Tagliamo le tasse per le imprese (Irap-10%), aumentano le tasse sulle rendite finanziarie. La finanza al servizio di impresa e lavoro", ha commentato ieri il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, anche lui con un tweet.

Ma quanto costerà agli italiani l'aumento delle tasse sul conto corrente? I calcoli li ha fatti per Repubblica la Cgia di Mestre: per un conto corrente medio l'aggravio è di circa 1 euro all'anno. Il focus della Cgia di Mestre spiega che in Italia ci sono 38 milioni di conti correnti con una consistenza pari a 453,2 miliardi. Di conseguenza la giacenza media è di circa 12 mila euro. Considerando che il tasso di interesse attivo medio applicato in questa fascia è piuttosto basso, pari allo 0,13 per cento, cioè 15,5 euro l'anno, il rincaro della tassazione passerà da 3,10 (con imposta al 20 per cento) a 4,03 (con imposta al 26 per cento). Ovvero: 93 centesimi. 

Il bilancio si aggrava per giacenze medie più alte. Ad esempio per chi ha un deposito tra i 10 mila e i 50 mila euro dovrà sostenere un onere aggiuntivo di 2,3 euro l'anno. Mentre Tra i 50 mila e i 250 mila si sale a 26,1 euro. Più pesante la tassa per chi possiede oltre i 250 mila euro che si troverà a pagare 169,2 euro in più.

Come emerge dal testo del decreto l'aumento delle imposte sulle rendite finanziarie scatterà dal primo luglio prossimo. Il rincaro dal 20 al 26 per cento interesserà anche i dividendi staccati successivamente, le plusvalenze di azioni e fondi, nonché interessi su conti correnti e depositi postali. L'aumento non tocca i titoli di Stato, come Bot e Btp. 

Complessivamente il gettito della misura, finalizzato come spiega Palazzo Chigi al taglio dell'Irap, sarà per quest'anno di 588 milioni, il prossimo di circa 3 miliardi e negli anni successivi si manterrà sullo stesso livello.

Come funziona all'estero? Come al solito in materia di tasse molto spesso all'estero sono più severi, anche se con l'ultimo decreto l'Italia si adegua. In Francia si paga il 30 per cento su dividendi e capital gain e il 18 sugli interessi, in Germania il 26,3 per cento e in Spagna il 21 per cento. In tutti i paesi non esiste un'aliquota "ridotta" come in Italia per i titoli di Stato - che da noi restano al 12,5 per cento - che devono rispondere alla stessa tassazione di obbligazioni e azioni. In Francia, ad esempio, dal 2012 la maggiorazione di tassazione sulle rendite finanziarie (Oats compresi) è utilizzata per coprire i costi delle assicurazioni sanitarie obbligatorie e i contributi pensionistici, in una sinergia tra finanza e Welfare.

Le tasse sul risparmio tuttavia sono in salita, anche per l'azione dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni. Sui conti titoli (che comunque sono agganciati a un conto corrente) grava infatti la mini-patrimoniale, introdotta dal governo Monti per l'1,5 per mille nel 2013 e che il governo Letta ha elevato dal primo gennaio di quest'anno al 2 per mille. Il gettito nel 2014 sarà di 5 miliardi, anche se i risparmiatori lo scopriranno solo a fine anno. La tassa è un'imposta di bollo proporzionale che grava sui conti-titoli, di ogni genere, e che viene gravata sull'estratto conto.

Nessun commento: