IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

venerdì 20 gennaio 2012

Fallimento Kodak

Una notizia che farà forse sentire "vecchie" le persone della mia età, e che dirà poco a tanti giovani.

Kodak sconfitta dal digitale chiede la bancarotta
L'icona della fotografia porta i libri contabili in tribunale
NEWS - 19/1/2012
NEW YORK - È fallita la Eastman Kodak. Il Ceo della compagnia, Antonio Perez, ha annunciato in un comunicato che l’intero consiglio di amministrazione e tutti i manager ritengono che portare i libri contabili in tribunale (il cosiddetto «Chapter 11» per il diritto societario americano, ndr) sia un passo necessario e la cosa giusta da fare per il futuro della Kodak, che ha un attivo di 5,1 miliardi di dollari e un debito di 6,8.

Tale passo consentirà di «rafforzare la sua liquidità negli Stati Uniti e all’estero e consentirà al gruppo di ricentrarsi su settori attivi a più alta redditività». La società era stata creata nel 1880 da George Eastman e non ha saputo reggere la concorrenza delle macchine fotografiche digitali.

Da anni l'azienda che ha portato la macchina fotografica a prodotto di massa fatica sul mercato e negli ultimi sette anni ha già ridotto l'organico di 47 mila persone e chiuso 13 stabilimenti. Il corso azionario sintetizza la crisi progressiva che l'ha investita: nel 1996 a Wall Street valeva 80 dollari mentre ieri il titolo è sprofondato sotto un dollaro. A meta' degli anni '80 impiegava 145 mila persone mente oggi non arrivao a 20 mila. Risale al 2007 l'ultimo bilancio in utile.

Il successo della Kodak e' stata Brownie, una macchina fotografica venduta a prezzi popolari fornita di pellicola, che ha consentito a diverse generazioni di americani e europei di diventare fotografi e soprattutto ha garantito ingenti profitti alla società. Per decenni la Kodak è stata l'icona dello sviluppo tecnologico come oggi lo sono Apple e Google. Per paradosso, è stata la prima azienda al mondo a sperimentare la tecnologia digitale nella fotografia negli anni '70, ma sono stati i giapponesi a incassare i benefici della nuova tecnologia negli anni '90 e da allora è iniziato il suo calvario.
Tratto da: http://www.blogger.com/blogger.g?blogID=5137907263002538034#editor/target=post;postID=245857014103442770





Nessun commento: