IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

mercoledì 25 gennaio 2012

Il PD (parte del PD), Milano, l'antimafia e Nando dalla Chiesa

Io, professionista dell'antimafia (centesima puntata). E tutti a Palazzo Marino con Pisapia

Scritto da Nando dalla Chiesa,  Monday 23 January 2012

Be’, ragazzi, sono reduce da un generoso abbraccio di Ermanno Olmi, uno dei miei idoli, e potete capire lo stato di estasi in cui scrivo. Tutto è avvenuto in Bocconi, alla commemorazione di Roberto Franceschi, lo studente ucciso davanti alla sua università dalla polizia la sera di 39 anni fa…Olmi ha visto da lontano (e l’ha detto all’istante) che annuivo alla sua citazione di Giacomo Ulivi, giovanissimo partigiano di Parma. E’ scattato l’idem sentire. In più abbiamo un amico in comune, Corrado Stajano.

Il quale Stajano oggi mi ha difeso sul “Corriere” (grazie, grazie) dalla originalissima accusa di essere un professionista dell’antimafia. Ora che la polemica è diventata pubblica, penso di poterne parlare. Vi chiederete voi chi abbia avviato la polemica. Se il centrodestra, o qualche centro di opinione contiguo e ambiguo, o qualche cronista prezzolato. Ma no. L’ha avviata la capogruppo del Pd in consiglio comunale; che oggi dopo l’articolo di Stajano ha smentito, all’unisono con il partito, di essersi voluta riferire a me. Dico la verità: sono contento che non trovi il coraggio di rispondere della sue accuse.
Però il fatto è che nel dibattito in aula sulla istituenda commissione consiliare antimafia si è lanciata contro i professionisti dell’antimafia, contro chi usa l’antimafia come vetrina, e ha detto di essere sempre stata d’accordo con la polemica di Sciascia. Ora, già riprendere quell’articolo per dichiararsi d’accordo, e proprio mentre si istituisce la commissione antimafia, lascia letteralmente di stucco. Ma qualcuno gliel’ha detto che l’unico bersaglio indicato per nome e cognome di quell’articolo era Paolo Borsellino? Qualcuno gliel’ha detto che l’articolo si concludeva dicendo che si sarebbe vista la carriera che avrebbero fatto dei magistrati per il “solo” fatto di avere combattuto la mafia? Qualcuno gliel’ha detto che la “carriera” di Borsellino si è conclusa cinque anni dopo saltando in aria? E’ d’accordo, lei, con quell’articolo? Già dirlo è significativo…E io, sissignori, ero il destinatario della pubblica rampogna. Già indirizzata infatti a me, con tanto di nome e cognome, due giorni prima nelle sue dichiarazioni a “Libero”, che ne aveva tratto un messaggio chiarissimo: “Il Pd affonda (o scarica, o sconfessa, non ricordo) Dalla Chiesa”. Altro che equivoco…Il bello, questo per completezza dei dati, è che l’accusa mi era stata mossa perché, su delega di Pisapia, avevo fatto una conferenza stampa con i presidenti dei consigli di zona 8 e 9 per dire che i consiglieri di zona minacciati dalla ‘ndrangheta avevano dietro tutto il Comune. Che non erano soli. Insomma, io copro le spalle ai consiglieri di zona e la capogruppo Pd in consiglio comunale colpisce alle spalle me…Tutto già visto, vero?

In ogni caso domani chi può venga al grande appuntamento in sala Alessi a Palazzo Marino. Ore 18. Insieme con il sindaco Pisapia, i membri del Comitato antimafia parleranno della criminalità organizzata a Milano. Presenti gli autori dei due libri che verranno presentati (conduce Adriana Santacroce), ossia: Mario Portanova, Giampiero Rossi e Franco Stefanoni, autori di “Mafia a Milano” (Melampo) e Marta Chiavari, autrice de “La quinta mafia” (Ponte alle Grazie). Dai che Milano, nonostante tutto, si sveglia.

http://www.nandodallachiesa.it/public/index.php

Nessun commento: