IO NON HO VOTATO PER MATTEO RENZI come SEGRETARIO PD (e neppure come PRESIDENTE DEL CONSIGLIO)

martedì 19 gennaio 2010

Ricordare è un dovere (1)

QUESTO ARTICOLO CONTIENE UN ERRORE, PER RIMEDIARE IL QUALE HO POSTATO UNA RETTIFICA. SEGUI IL LINK PER SAPERNE DI PIU'

ll Generale Dwight D. Eisenhower aveva ragione nell'ordinare che fossero fatti
molti filmati e molte foto.

OLOCAUSTO
Esattamente, come è stato previsto circa 60 anni fa.
E' una questione di Storia ricordare che, quando il Supremo Comandante delle Forze alleate (Stati Uniti, Inghilterra, Francia, etc.), Generale Dwight D. Eisenhower,
incontrò le vittime dei campi di concentramento, ha ordinato che fosse fatto il maggior numero di foto possibili, e fece in modo che i tedeschi delle città vicine
fossero accompagnati fino a quei campi e persino seppellissero i morti.

E il motivo, lui l'ha spiegato così: 'Che si tenga il massimo della documentazione
- che si facciano filmati - che si registrino i testimoni - perchè, in qualche momento durante la storia, qualche idiota potrebbe sostenere che tutto questo non è mai successo'.

'Tutto ciò che è necessario per il trionfo del male, è che gli uomini di bene non facciano nulla'. (Edmund Burke)

Ricordiamo:
OMISSIS
Questo è un presagio spaventoso sulla paura che si sta diffondendo nel mondo,
e che così facilmente ogni Paese sta permettendo di far emergere.

Sono trascorsi più di 60 anni dal termine della Seconda Guerra Mondiale.

Questa e-mail viene inviata come una catena, in memoria dei 6 milioni di ebrei,
20 milioni di russi, 10 milioni di cristiani, e 1900 preti cattolici che sono stati assassinati, massacrati, violentati, bruciati, morti di fame e umiliati, nel mentre la Germania e la Russia volgevano lo sguardo in altre direzioni.

Ora, più che mai, a fronte di qualcuno che sostiene "L'Olocausto è un mito", è fondamentale fare in modo che il mondo non dimentichi mai.

L'obiettivo che si vuole raggiungere inviando questa e-mail è che venga letta da, almeno, 40 milioni di persone in tutto il mondo.
Sii un anello di questa catena e aiuta ad inviare l'e-mail in tutto il mondo.
Traducila in altre lingue se necessario!
Non cancellarla.
Sprecherai solamente un minuto del tuo tempo nell'inviarla ad altre persone.

3 commenti:

Francesco Bianchi ha detto...

Mi sembra molto grave che abbiate pubblicato un testo come questo, che nasconde la falsità in un formato populisticamente accattivante ed attrattivo, che usa una delle maggiori catastrofi umane per attirare attenzione.

E' totalmente FALSO che il Regno Unito "ha rimosso l’Olocausto dai suoi programmi scolastici perché “offensivo” nei confronti della popolazione mussulmana che afferma che l’Olocausto non è esistito".

L'Olocausto fa parte dei programmi scolastici britannici, è obbligatorio affrontarlo a scuola per gli studenti da 11 a 14 anni.Negli altri paesi del Regno Unito è facoltativo, ma lo è da sempre, non certamente per pressione di qualcuno.

Gradirei vostra smentita, e maggiore attenzione. Cordiali saluti.

Franco Gatti ha detto...

Gentile sig Bianchi
la ringrazio moltissimo del suo commento, e correggerò il testo.

Mi sono fidato di un mail che mi è arrivata, e che ho copiato in buona fede.

Vista la sua competenza sui programmi didattici in UK, potrebbe darmi qualche ulteriore informazione ?
Come può essere nata ed essersi diffusa una bufala di questo tipo ?

Grazie per la attenzione con la quale mi segue
Buona serata
Franco

Franco Gatti ha detto...

Questo è il frammento del post che ho omesso dalla pagina principale del blog, grazie alla segnalazione di un visitatore:

" Ricordiamo:
Questa settimana,il Regno Unito ha rimosso l'Olocausto dai piani di studio scolastici poichè "offendeva" la popolazione musulmana, che afferma che l'Olocausto non è mai esistito..."